Indietro
menu
Il documentario

“Lo spazio che vive”: nuova proiezione. Il 7 settembre nel giardino del Ceis

In foto: Lo spazio che vive
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
ven 2 set 2022 11:38 ~ ultimo agg. 3 set 09:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo 8 appuntamenti e oltre 1.150 persone presenti, il film “Lo spazio che vive”, prodotto da Gruppo Icaro, Ceis e Fondazione Margherita Zoebeli per la regia di Teo De Luigi, sarà proiettato proprio nel luogo in cui è stato girato. La troupe, infatti, ha trascorso oltre un mese e mezzo tra le vie del Villaggio, insieme ai bambini e alle maestre della scuola riminese. Un’esperienza unica e molto intensa anche per lo staff della produzione che ha condiviso con il Ceis lunghe giornate scandite dai ritmi scolastici, dai momenti di svago dei bambini e da tante risate. “A una settimana circa dall’inizio delle lezioni, che riprenderanno il 15 settembre, abbiamo pensato ad un’occasione per ritrovarsi insieme a famiglie, insegnanti e tutti coloro che vorranno partecipare a questo evento”, spiega Romano Filanti, Presidente del Ceis. Sarà un momento di condivisione, aperto a tutti, con la possibilità di vedere il film all’aperto, nel giardino del Villaggio. Uno spazio informale, intimo e identificativo per chi frequenta o ha vissuto questo luogo, che faciliterà anche la partecipazione dei più piccoli che potranno così rivedersi e riconoscersi. L’appuntamento è presso la Piazzetta del Ceis di Rimini: mercoledì 7 settembre, ore 21, ingresso gratuito senza prenotazione. Durante la serata sarà possibile prenotare una copia del film. L’evento sarà annullato in caso di maltempo.

Il documentario ha avuto un ottimo riscontro in sala ed è stato accolto in tutte le proiezioni da lunghi applausi. Un film che parte da quel 1946, quando dalla Svizzera arrivarono le prime baracche in una Rimini quasi rasa al suolo. Il Ceis venne creato, in accordo con l’amministrazione di allora, nell’area dell’anfiteatro romano, sulla parte del monumento che non era stata scavata negli anni ’30. In soccorso alla popolazione stremata SOS – Soccorso Operaio Svizzero, non inviò solo beni materiali ma anche Margherita Zoebeli, una giovane educatrice con già alle spalle esperienze determinanti per la sua formazione, e Felice Schwarz, l’architetto che insieme a lei progettò la scuola. Il film indaga il legame unico che unisce pedagogia e architettura in questo luogo, sin dalla sua fondazione. Sono infatti numerose le testimonianze di architetti, pedagogisti, personalità del mondo della cultura: tra queste Goffredo Fofi, saggista, critico cinematografico, teatrale e letterario che lavorò negli anni Cinquanta e Sessanta in campo pedagogico e sociale; Michele Gulinucci, che per la Rai curò una trasmissione dedicata al Ceis; Maristella Casciato, Pippo Ciorra e Andrea Ugolini, docenti universitari di fama internazionale che hanno studiato a lungo la storia dell’architettura e il rapporto tra la stessa e l’archeologia. Le interviste realizzate in Svizzera a Oliver Schwarz e Marco Bischof hanno il sapore del recupero e dell’attualizzazione della memoria. Sono infatti figli, rispettivamente, dell’architetto che realizzò l’impianto del Ceis e del grande fotografo Werner Bischof che documentò, con i suoi scatti, i primi momenti della fondazione. Si ricorda, in particolare, il contributo di Andrea Canevaro, padre della pedagogia speciale che per anni ha lavorato al fianco di Margherita Zoebeli e dei docenti del Ceis. Questa è una delle ultime interviste rilasciate dal professore recentemente scomparso.

Il documentario è stato realizzato con il supporto dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Tra gli altri hanno sostenuto il progetto Riviera Banca, con un importante contributo, Focchi e Nuova Ricerca e poi Gruppo Maggioli, Società Italiana Gas Liquidi, SGR, Fondazione Carim. Si ricorda la preziosa collaborazione con Comune, Biblioteca Civica Gambalunga e Cineteca di Rimini, Fondazione Cineteca di Bologna.

“Lo spazio che vive” è un documentario di Teo De Luigi, scritto da Teo De Luigi, Serena Saporito ed Edda
Valentini. Direttore della fotografia Michele Barone. Operatori video: Marco Colonna, Enrico Guidi, Roberto
Bianchi e Gianmarco Zannoni. Montaggio Diego Zicchetti. Musiche originali di Massimiliano Rocchetta.
Responsabile di produzione Cristina Gambini, direttore di produzione Francesco Cavalli. Una produzione
Gruppo Icaro, Ceis e fondazione Margherita Zoebeli.

La sinossi

Rimini 1946, la guerra è appena finita e la città è un cumulo di macerie. I cittadini non perdono tempo, i giovani vengono mobilitati per sgomberare le strade. La prima giunta comunale ha di fronte a sé una situazione drammatica da fronteggiare. Il vicesindaco Gomberto Bordoni, membro del Comitato di Liberazione nazionale, ha un’idea per far fronte al dramma più grande di quel momento: l’enorme massa di sfollati, in una città che è stata tra le più bombardate d’Italia. Bordoni attiva la rete dei contatti socialista e arriva una risposta solidale dal Soccorso Operaio Svizzero, che a Rimini manda aiuti e persone: tra loro l’architetto Felix Schwarz e Margherita Zoebeli, educatrice e assistente sociale, fin dai tempi della guerradi Spagna, nel corso della quale aveva salvato un centinaio di bambini figli di antifascisti, portandoli personalmente in Francia. Nell’area dell’Anfiteatro di Rimini vengono montate 13 baracche di tipo militare, disposte a villaggio, secondo la nuova filosofia architettonica svizzera, e nate per dare soccorso a bambini e famiglie senza casa: è il primo nucleo di quello che diventerà un progetto educativo straordinario, in cui le idee innovative
dei grandi pedagogisti europei come Freinet, Bovet, Pestalozzi e Montessori, Steiner, Adler, incontreranno le istanze della nascente scuola attiva di De Bartolomeis, Laporta, Borghi, Don Milani e Malaguzzi. Tutti modelli pedagogici che facilitano il rapporto bambino-ambiente e la liberazione dagli schemi precostituiti. Oggi, dopo decenni in cui il Ceis (centro educativo italo-svizzero) ha attraversato tante fasi intrecciate alla storia d’Italia, si prepara alla sfida forse più difficile: l’ipotetico trasferimento da quel luogo originario, dove educazione, storia recente e storia antica della città hanno convissuto per 75 anni…

Teo De Luigi, Serena Saporito, Edda Valentini