Indietro
menu
bar preso di mira

Ladri affamati, dopo la spaccata spariscono prosciutti, salame e bresaola

In foto: La vetrata del bar sfondata
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 24 set 2022 17:11 ~ ultimo agg. 25 set 14:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nel registratore di cassa non c’erano nemmeno gli spicci. Così, i ladri, entrati in azione nella notte tra venerdì e sabato nel bar della polisportiva Stella a Rimini, si sono accontentati di fuggire con due prosciutti, un salame e della bresaola. A mani vuote sì, a stomaco vuoto però no, avranno pensato.

Il disco usato per la spaccata

Per Massimiliano Astolfi, gestore del bar nonché vicepresidente della Polisportiva, quanto accaduto ieri notte non è una novità, purtroppo. L’ultimo furto risale alla fine di maggio, ma ormai i ladri sono degli habitué alla Stella: “Purtroppo ho perso il conto, negli anni abbiamo subito almeno una decina di furti – ci dice al telefono con una certa rassegnazione -. Per sfondare la vetrata della porta d’ingresso questa volta hanno usato un disco del bilanciere prelevato dalla sala pesi”.

Dal momento che il registratore di cassa, come d’abitudine, era stato lasciato volutamente vuoto, i ladri hanno ripiegato sul cibo. “Mancano all’appello due prosciutti, salame e bresaola, nient’altro. Non è tanto il valore dei prodotti in sé, quanto il danno di almeno mille euro alla porta. E pensare che la sera prima mi ero intrattenuto al bar a cenare e chiacchierare di calcio insieme ad altri dirigenti fino alle 2.30 – racconta Astolfi -. Quando questa mattina, verso le 9, sono passato a controllare, ho visto la vetrata in frantumi e ho capito…”. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno svolto i sopralluoghi di rito e raccolto la denuncia.

La prossima mossa per evitare altre spiacevoli visite sarà quella di montare un’inferriata a protezione della porta d’ingresso: “Alle finestre del bar c’erano già, mancava solo all’ingresso – conclude il gestore -. Speriamo almeno serva come deterrente”.

]