Indietro
menu
vittima colpita con un ramo

Compravendita auto. L'aggressore deve rispondere di tentato omicidio

In foto: a dare l'allarme alcuni passanti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 4 set 2022 11:32 ~ ultimo agg. 5 set 13:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Emergono maggiori dettagli sull’aggressione avvenuta nel pomeriggio di sabato a Miramare, a seguito di una compravendita di auto finita male (vedi notizia). Uno dei due feriti, un 30enne romano, è stato colpito con violenza da una bastone. A ricostruire l’accaduto i Carabinieri della Stazione di Rimini-Miramare, che sono intervenuti durante il parapiglia con il supporto del personale della Sezione Radiomobile del NOR di Rimini. L’aggressore, un 41enne pugliese residente nel riminese, è stato arrestato nella tarda serata di ieri con l’accusa di tentato omicidio.

Il tutto sarebbe iniziato nel primo pomeriggio, quando 3 uomini, giunti da Roma, si erano dati appuntamento con altri 2 riminesi per finalizzare la compravendita di un’autovettura che uno dei giovani romani aveva intenzione di acquistare. Ma, per divergenze sul prezzo, la trattativa avvenuta a Riccione non è andata in porto.  A quel punto il venditore e l’acquirente, ognuno sulla propria autovettura, non si sono allontanati ognuno per la propria strada ma hanno percorso la stessa direzione fino a giungere all’altezza delle poste di Miramare. Qui sono scesi dall’auto, ed è iniziato un diverbio, che in poco tempo è passato dalle parole alle mani. Ad avere la peggio il 30enne romano colpito alla testa da una bastonata, infertagli con un ramo trovato sul ciglio della strada. Secondo la ricostruzione a sferrare il colpo sarebbe stato il riminese. La profonda ferita ha richiesto il trasporto della vittima con elisoccorso all’ospedale di Cesena. Il giovane è ancora in prognosi riservata e lotta tra la vita e la morte. Il 41enne è stato arrestato per tentato omicidio e si trova nel carcere di Rimini. Le indagini sono tuttora in corso.