Indietro
mercoledì 5 ottobre 2022
menu
Basket Serie D

Giacomo Zannoni per il terzo anno di fila nei Villanova Tigers

In foto: Giacomo Zannoni (©Simone Maria Fiorani)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 25 ago 2022 17:12 ~ ultimo agg. 17:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È Giacomo Zannoni il primo “colpo” dei Villanova Tigers (serie D) per la stagione 2022/2023.

La forte ala piccola Zannoni è uno dei migliori cannonieri del campionato, anche ai piani più alti (miglior marcatore in serie C Silver nel 2019-20 con 354 punti in 20 gare, 17.7 ppg). Per il terzo anno consecutivo vestirà la canotta biancoverde n. 1 dei Villanova Tigers, ancora griffati Fast Coffee.

La compagine biancoverde di Villa Verucchio sarà dunque ai nastri di partenza della serie D con un giocatore importante nel roster, che aveva ricevuto anche offerte da squadre di categoria superiore.

Ala piccola di 193 cm, “Shaq” (il soprannome) ha un’ottima mano dalla distanza, è buon rimbalzista ed è capace di attaccare il ferro.

Tutta la soddisfazione per questo matrimonio è nelle parole del presidente Tigers, Lorenzo Meluzzi. “Giacomo è un ottimo giocatore, non lo scopro certo io, i risultati parlano per lui. Sarà uno dei punti di forza di questa squadra, e non solo in campo: è nato a Villa Verucchio, qui ha mosso i primi passi con la palla a spicchi in mano, ha accettato di scendere di categoria per difendere i colori del suo paese da senior”.

“Giacomo ama profondamente la palla a spicchi e il suo paese. Sono molto orgoglioso del fatto che abbia scelto di diventare il simbolo del nostro sodalizio sportivo – rilancia il vice-presidente Samuele Monti –. Sarà il capitano della squadra, un ‘faro’ per i compagni ma è anche il testimonial di tutta la campagna promozionale della società”.

Classe 1993, Zannoni è un prodotto del vivaio biancoverde, dove ha iniziato a giocare a basket all’età di sette anni, guidato da Gigi Fantini. A 12 anni la chiamata di Rimini, dove ha fatto tutta la trafila del settore giovanile, tra allenamenti in Legadue ed esordio in DNB. Poi tante ottime stagioni tra CGold e CSilver.

“Sono ritornato a Villa Verucchio dove tutto è iniziato – si ‘confessa’ l’ala piccola –. Questa società sta lavorando duro, nella maniera giusta. Vuole diventare un punto di riferimento per tutti ragazzi della Valmarecchia che vogliono a giocare a basket”.

Tigers per il terzo anno consecutivo. Ormai è una bandiera.
“L’anno scorso mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca, abbiamo subito due infortuni gravi e in più, durante il corso della stagione, alcune problematiche non ci hanno permesso di competere per l’obiettivo che ci eravamo prefissati. Non mi piacerebbe lasciare le cose a metà e, nonostante le richieste ricevute, ho deciso di rimanere qui per inseguire un sogno”.

Dei Tigers sarà anche il capitano. E ha messo la faccia anche per la campagna di marketing. Sta diventando un vero “simbolo” per la società biancoverde.
“Mi piace questo ruolo, soprattutto per quello che, spero, possa significare per i numerosi ragazzi che vengono a vederci e a rifarci. Mi piacerebbe essere preso come punto di riferimento, proprio perché in campo do sempre tutto me stesso”.

Troverà nei panni di coach Michele Amadori, che fino allo scorso anno aveva di fronte come avversario. Che effetto le fa?
“Con Michele ci ho condiviso praticamente una vita, tutto o quasi il settore giovanile a Rimini e da senior praticamente ogni anno ci siamo sentiti o affrontati. Sono entusiasta della sua scelta di allenatore e non vedo l’ora di cominciare”.

Il roster è completo. Come giudica la squadra allestita?
“La squadra in parte è stata rinnovata, con giocatori che comunque già conoscevo e di cui conosco le qualità, siamo un gruppo affiatato, abbiamo un paio di elementi che rientrano da un infortunio, dovremo volare sulle ali dell’entusiasmo”.

Quale campionato si aspetta? Obiettivi?
“Sarà un campionato tosto e competitivo come l’anno scorso, ma sono sicuro che la faremo la nostra sporca figura, con l’obiettivo che è quello di puntare il più in alto possibile”.

Il paese e i tifosi sono già in fermento per la nuova stagione. Quale messaggio vuole lanciare?
“Innanzitutto ringrazio per l’appoggio ricevuto l’anno scorso, nella fase playoff sono stati l’uomo in più. Quest’anno spero di rivedere anche qualche “vecchio” volto. Noi siamo pronti, e voi?”