Indietro
menu
passaggio di carovane

Via Lama, non solo corse clandestine. Marchei (Lega): degrado e allacci abusivi

In foto: foto da Loreno Marchei
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 7 mag 2022 09:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In via Luciano Lama non ci sono solo le corse clandestine di scooter ma anche situazioni di degrado causate da carovane di passaggio. La denuncia, con foto a corredo, arriva dal consigliere Loreno Marchei della Lega.

“La Via Luciano Lama, strada di recente edificazione che corre tra i lotti a destinazione artigianale al Villaggio Primo maggio è salita agli onori della cronaca locale di questi giorni. La sede stradale, larga e rettilinea, parzialmente chiusa al traffico, è stata individuata da alcuni ragazzi come ritrovo per scorribande in scooter e moto divenute note ai più per l’intervento della Polizia locale. La strada ed i suoi rami laterali, tuttavia, dallo scorso ottobre sono oggetto di periodici accampamenti di carovane nomadi, sempre più frequenti e consistenti”.

Marchei ricorda di avere più volte segnalato all’amministrazione la situazione, anche con una recente interrogazione in Consiglio Comunale trasformata in mozione. Una situazione che “sta generando crescente preoccupazione tra i residenti e gli imprenditori dei lotti a destinazione produttiva che hanno investito nella zona per la realizzazione dei loro nuovi capannoni, a fronte dello stato di degrado che si riscontra sia durante la permanenza della carovana che alla partenza della stessa, come documentato da alcuni fotogrammi pervenuti che mostrano il copioso rilascio di rifiuti ed allaccio, o tentativi di allaccio alle reti di acqua, energia e gas. Il timore è che, senza un’adeguata e seria azione deterrente e di contrasto, si possa creare una nuova via Islanda dove ricordo che, a causa dell’inerzia e dell’incapacità dell’amministrazione in una zona a destinazione produttiva, le imprese presenti si sono dovute trasferire, con buona pace per chi produce e crea lavoro in città”.