Indietro
domenica 3 luglio 2022
menu
Calcio Serie D

Rimini-Lentigione 0-2, le pagelle di Nicola Strazzacapa

In foto: L'undici di partenza del Rimini FC
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 22 mag 2022 19:04 ~ ultimo agg. 23 mag 11:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

PIRETRO 6.5. Si getta coraggiosamente sui piedi di Sala lanciato a rete e risponde presente a un paio di tentativi da fuori, prima di capitolare sul gong della prima frazione al solitario Djwomo e al 90’ a due avversari solissimi. Bravissimo con la mano di richiamo sul sinistro di Cuoghi deviato sotto la traversa. Buona la prima!

KAMARA 6. Il terzino non è il ruolo che ama, ma mostra intraprendenza e voglia di fare. Diverse buone iniziative che cancellano qualche sgrammaticatura più che comprensibile. Volenteroso!

CUCCATO 5. In una prima frazione in scioltezza, si fa sorprendere dalla sventagliata a tutto campo che manda in gol Djwomo. Nella ripresa fa il bis con un appoggio maldestro a Piretro e arriva lo 0-2. Distratto!

PANELLI 6.5. Gioca una partita vera, aperta da un lancio a tutto campo alla Bonucci per Pecci e fatta di chiusure, sganciamenti (uno concluso con un bel sinistro in corsa) dai venti metri e si sciroppa la fascia a perdifiato. Non vuole perdere e si prende anche un giallo per fermare un contropiede ospite.

CONTESSA 6.5. Pulito, ordinato e tempista negli inserimenti, confezione un assist di velluto per Arlotti con un gran cross in corsa. Quando si mette in proprio spreca una bella galoppata con un sinistro dal cuore dell’area che finisce nella Est, nella porta in cui aveva chiuso la gara con il Serravezza.

PARI 6. Si fa vedere in costruzione alternandosi ai due compagni di reparto e si butta dentro ogni volta che può, al 20’ sporcando i guanti a Galeazzi con un sinistro dal limite. Resta in campo fino al triplice fischio confermandosi affidabile. Diligente!

TANASA 6.5. Per lui la parola sufficienza non esiste e anche nella partita della festa azzanna e rincorre famelico avversari e pallone. Costruisce e distrugge con continuità e a dieci dal gong tenta un gran assist d’esterno, poi lo sforna di destro chiudendo una volata in fascia quasi da esterno. Capitano!

CALLEGARO 6.5. Si presenta accarezzando la traversa con una gran punizione dal limite, prosegue con una regia precisa e di personalità. A inizio ripresa chiude una bella serpentina con un sinistro fuori di un palmo. Lascia il campo per Germinale, sacrificato sull’altare del doppio attaccante, ma si è dimostrato pronto all’eventuale chiamata per la Poule Scudetto. Frizzante!

PECCI 6. Ha voglia e lo dimostra da subito con dribbling e scatti. Punge per un’ora, regalando anche qualche preziosismo tecnico poi esce fra gli applausi. Speedy Gonzales!

MENCAGLI 6. I riferimenti non sono quelli consueti, ma non fa una piega e pulisce tutto quello che passa il convento. Ha una sola vera chance di dire 15 in campionato, ma la girata pronta esce centrale e il portiere ospite si salva di piede: in alcune giocate conferma la capacità di lettura e piede educato. Generoso!

ARLOTTI 7. Ha voglia di una gara da protagonista e si getta sulla sfida di slancio scattando e pressando tutti: al 4’ ruba palla e innesca un quattro contro due fermato con le cattive maniere al limite (Callegaro sfiora il vantaggio su punizione). Al 9’ sfiora la gioia personale con una gran incornata, ma il palo gli strozza l’urlo in gola e ci riprova due volte dopo un paio di super percussioni ma Galeazzi gli mura il gran destro nell’angolino e quello a giro esce a un niente dall’incrocio. Peccato, avrebbe meritato il nome nel tabellino marcatori. Spumeggiante!

4’ st DERATTI 6. Alimenta il forcing facendosi vedere in appoggio e non concede nulla in fascia. Sufficiente!

GABBIANELLI, PISCITELLA, GERMINALE, PIETRANGELI SV. Un po’ di passerella per ricevere l’abbraccio del pubblico in una partita che non esisteva.

GABURRO 8. Dà giustamente spazio a tanti ragazzi che hanno giocato di meno e la squadra risponde con un buon primo tempo in proiezione offensiva chiusa immeritatamente in svantaggio. Nella ripresa inserisce via via i protagonisti della promozione e chiude con la doppia torre per cercare di mantenere il Neri inviolato. Non ci riesce per un doppio regalo difensivo. Ma non inficia nulla della super stagione. Condottiero!

Nicola Strazzacapa