Indietro
sabato 25 giugno 2022
menu
Calcio Giovanile

Per il S. Ermete debutto al memorial "Protti" con la Juventus

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 18 mag 2022 15:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

È arrivato il momento: venerdì mattina scatta l’edizione numero 19 del Memorial Protti con il S. Ermete – società organizzatrice – che sarà protagonista con una propria formazione delle giovanili in una manifestazione che riempie d’orgoglio non solo gli stessi organizzatori ma tutto il territorio nostrano.

Per Francesco Cenerelli, tecnico della formazione Under 14 (2008) una grande soddisfazione: “È difficile in questo momento trovare le parole giuste – sorride – ma è inutile negare che per tutti noi, per me e i miei ragazzi rappresenta il massino. Misurarsi con tante squadre di prestigio nazionale ed internazionale beh…già a leggere i nomi abbiamo i brividi”.

Quali parole ha riservato in questo momento ai ragazzi?
“Per caricarli non c’è bisogno di particolari parole, sono felici di partecipare e di poter giocare contro avversarie cosi blasonate. Già venerdì a Pietracuta con inizio alle ore 10, toccheremo con mano la realtà di questo torneo”.

L’avversario di turno si chiama Juventus.
“Sono felice che dall’altra parte ci siano i bianconeri, ma noi dobbiamo pensare ad onorare con tutte le nostre forze questa manifestazione per rendere orgogliosi le famiglie che ci seguiranno e i nostri dirigenti, ai quali vorremo dire ancora una volta grazie per tutto l’impegno, l’attenzione e l’organizzazione mostrata”.

La società merita un plauso non solo per il Memorial Protti….
“Siamo cresciuti negli ultimi anni nei numeri e con le squadre. La società ha dato l’input di puntare soprattutto sul settore giovanile con occhio particolare, curando anche i minimi dettagli nel corso della formazione e della stagione agonistica. C’è sempre stato il supporto di tutti e questo sta portando benefici”.

Non a caso è prevista una nuova edizione del Summer Camp.
“Altro tassello essenziale ma non scontato, eppure i dirigenti hanno mantenuto la propria parola accontentando i ragazzi e le famiglie, dando modo anche a chi fino ad oggi era lontano dal mondo S. Ermete e dal calcio di avvicinarsi facendosi conoscere”.

Ma tornando al Protti, un po’ di paura per la Juve c’è?
“Mah… – sorride – vedere questi ragazzi scendere in campo e giocare già contro queste squadre è una vittoria per noi tutti e per l’intero settore giovanile”.

Oltre alla fase di gioco crescerete sotto altri aspetti mi pare di capire…
“Vivremo la vigilia delle partite e dell’intero torneo rimanendo in albergo con le altre squadre, questo ci farà sentire dei professionisti anche se non lo siamo, ma è un’esperienza che aiuta a crescere, a fare gruppo, a trovare sinergia e maggiore sintonia. Per questo, credo che la società vada applaudita per quanto fatto”.