Indietro
sabato 21 maggio 2022
menu
Calcio a 5 A2 Femminile

Manita della Virtus in trasferta: Torino battuto 5-2. Giuva: "Era fondamentale vincere"

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 27 apr 2022 18:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

ACADEMY TORINO FUTSAL-FEMMINILE VIRTUS ROMAGNA 2-5

IL TABELLINO
VIRTUS: Faccani, Berti, Mencaccini, Mancarella, Falcioni, Giuva, De Oliveira, Guidi, Maraldi, Sabetti. All.: Imbriani.

TORINO: Steri, De Mita, Tortia, D’Addato, Funnone, Cuccu, Altamura, Ferri, Gaza, Campofiorito. All.: Rango.

ARBITRI: Basile di Torino, Pasquino di Nichelino. CRONO: Costabello di Pinerolo.

RETI: 5’ pt Berti, 12’ pt Giuva, 17’ pt Gaza, 7’ st Mancarella, 14’ st Guidi, 18’ st De Oliveira, 20’ st D’Addato.

CRONACA E COMMENTO
Una grande Virtus Romagna vince in trasferta sul difficile campo dell’Academy Torino Futsal con un importante 5-2, che certifica il buono stato di salute delle romagnole e che consolida ulteriormente il secondo posto occupato in classifica.

La squadra di Imbriani si porta così a 39 punti in classifica, mantenendo il vantaggio di 4 punti sul Pero terzo. Un risultato importante per ottenere così il fattore campo nei playoff che inizieranno a breve, dove la Virtus vuole essere protagonista. E che le romagnole vogliano vivere da protagoniste questo finale di stagione lo si vede sin dalle prime battute nel match contro il Torino, quando Berti sblocca il risultato e porta le sue in vantaggio con un bel gol da posizione laterale. Pochi minuti più tardi è Giuva a firmare il raddoppio con una conclusione che scocca da fuori area. La Virtus sembra apparentemente in controllo, ma il Torino reagisce con rabbia accorciando il
risultato con Gaza.

I minuti conclusivi del primo tempo e le prime battute della ripresa sono tutti di marca piemontese: la Virtus però mostra grandissima capacità nella gestione del momento, non disunendosi nella fase più complessa del match. E proprio nel miglior momento delle padrone di casa, arriva il gol del momentaneo 3-1 ad opera di Mancarella che, anche con fortuna, trova il fondo della rete con un tiro da fuori area deviato. Il Torino, nonostante lo svantaggio, continua a giocare e a premere, ma le romagnole sono in giornata, giocano di squadra mostrando un grande gioco corale in fase di possesso e spirito di sacrificio in fase difensiva. Il campo piccolo non sembra comportare mai realmente un problema per le ospiti, che in campo si trovano e collezionano tantissime occasioni durante l’arco di tutta la partita. Ed è così che arriva anche il quarto gol di marca virtussina, questa volta con Guidi che chiude al meglio uno schema da corner. Negli ultimi minuti, poco prima dell’ultima rete dell’incontro segnata da D’Addato, arriva anche la manita della Virtus, con De Oliveira che va in gol dopo aver recuperato pallone sulla trequarti e aver battuto uno contro uno la portiere avversaria. Per le virtussine sono dunque cinque gol arrivati da cinque marcatrici diverse, una notizia che sicuramente farà felice coach Imbriani.

Al termine del match, parla la talentuosa e giovanissima Norma Giuva, autrice anche quest’oggi di un’importante prestazione condita da un gol: «È stato un match aperto fino a circa metà secondo tempo e questo fa capire quanto l’avversario fosse ostico. Avendole già affrontate all’andata ce lo aspettavamo e sapevamo che non sarebbe stata una partita facile, ma siamo state brave a rimanere sul pezzo anche nei momenti in cui ci hanno messo in maggiore difficoltà, per poi riuscire a sfruttare le occasioni per allungare nel punteggio».

Inoltre, aggiunge: «Domenica era fondamentale vincere, perché ormai siamo alla fine del campionato, mancano due partite, il tempo per recuperare non c’è più ed era quindi importante fare risultato per consolidare il secondo posto in vista dei playoff».

Infine, Norma si sofferma su questo rush finale che vede lei e le sue compagne chiamate ad un ultimo importante sforzo: «In questo momento arrivare seconde è il primo obbiettivo: nelle ultime due partite non bisogna abbassare la guardia, saranno combattute ma sappiamo che dipende tutto da noi. Attualmente i playoff sono una certezza ma solo aritmetica, quindi pensiamo alla prossima partita e finito il girone di ritorno ci focalizzeremo sul prossimo step».

Michelangelo Bachetti
Addetto stampa Femminile Virtus Romagna