Indietro
venerdì 20 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Il Faetano accende la volata per il quarto posto, Folgore e Libertas rallentano

In foto: (©FSGC)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 6 minuti
sab 2 apr 2022 20:10 ~ ultimo agg. 21:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 6 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Negli anticipi della prima giornata di ritorno, che si sviluppa in questo week-end complice il fermo all’attività imposto dal quadro sanitario a gennaio, arrivano chiari segnali per la corsa alle prime quattro posizioni ed importanti riscontri per quanto concerne il lotto di squadre che accederanno al Turno Preliminare della post- season.

Per quel che concerne la gara per il dodicesimo posto, la partita cardine era Fiorentino-Cailungo. Gli uomini di Protti, che martedì incroceranno il Domagnano, con due vittorie consecutive avrebbero riaperto ogni scenario. Ipotesi spazzata via dai Rossoblù, autori di una prova di carattere e qualità, sostanziata dall’inequivocabile 4-0 con cui si è conclusa la sfida dell’Ezio Conti di Dogana. Gli uomini di Melandri la vincono nella prima mezz’ora, colpendo con Filippi, Michelotti ed Abouzziane. Il vantaggio al 4’ sugli sviluppi di un corner battuto corto per Abouzziane, che sfonda e crossa sul secondo palo. Miracolo di La Monaca su Castellazzi, poi Filippi deve solo appoggiare in rete da due passi. Castellazzi entra anche nel raddoppio, stavolta con l’assist per Michelotti: rientrato sul destro, il sammarinese ha fulminato il sostituto dello squalificato Gallinetta con un bel destro. Prima della mezz’ora, pezzo di bravura di Ben Kacem. Lanciato in profondità da Bottoni, ha saltato di slancio l’avversario arrivando fino al lato corto dell’area piccola per servire a rimorchio Abouzziane: stop e destro impeccabile dell’altro marocchino, che cala il tris. Nel primo tempo anche due miracoli di La Monaca su Ben Kacem e una punizione di poco fuori dello stesso bomber di Malandri. Per il Cailungo l’occasionissima sciupata da Santucci al 42’. Nella ripresa c’è spazio anche per il poker, a cura di Ben Kacem. Bel movimento palla al piede di D’addario, che si accentra e serve il compagno, abile a saltare due avversari di slancio prima di franare a terra al limite. Attacco tenuto vivo da Perlaza, che la rimette a disposizione per lo stesso Ben Kacem: alzatosi, il vicecapocannoniere del torneo stavolta non lascia scampo a La Monaca. Nel pomeriggio del talento marocchino, anche una traversa di esterno sinistro all’85’. Fiorentino a +10 e scontri diretti a favore sul Cailungo terz’ultimo: a quattro gare dal termine, il Turno Preliminare è solo da ufficializzare.

Obiettivo che si avvicina sensibilmente anche per il Domagnano. Ad Acquaviva, i Lupi affrontano la Folgore. E come nella gara di andata, gli uomini di Mancini escono con tre punti – frutto di un successo di misura. Allora fu Ceccaroli, oggi tocca a Bara far saltare il banco. Dopo un tentativo di Pasini, il Domagnano si fa vedere in ripartenza. Ai Giallorossi manca però lucidità nell’ultima giocata e nella gestione delle cavalcate in campo aperto: Angelini si batte e sbatte a lungo, ma non riesce a far male. Anche quando situazioni di campo avrebbero suggerito un passaggio in profondità anziché una conclusione da fuori. Non fa meglio la Folgore, incapace di tradurre in occasioni il predominio nel possesso: di fatto, un colpo di testa di Nucci e una conclusione di Docente – entrambe fuori – sono il magro bottino di un primo tempo terminato a reti inviolate e portieri inoperosi. Più vivace la ripresa, con Dormi a sollecitare Colonna dopo meno di un minuto. La miglior opportunità della Folgore si concretizza però al 53’, con il subentrato Fedeli a saltare con lo stop a seguire Olivieri per poi battere da cinque metri di distanza, dopo un ulteriore dribbling su Nanni. Straordinario il riflesso di Colonna, che alza sulla traversa col ginocchio. Poco più tardi la Folgore ci riprova sull’asse Nucci-Dormi: ruoli invertiti nel traversone dalla trequarti che porta l’ex Rimini a colpire di testa, spedendo fuori di un soffio. Il Domagnano replica con un sinistro senza pretese di Gaiani ed un successivo mancino a giro di Angelini che fa la barba all’incrocio. Al 65’ Docente ha la palla buona per sbloccare l’incontro, ma il suo destro da dentro l’area termina alle stelle. Col passare dei minuti ed i risultati che stanno maturando sugli altri campi, al Domagnano basta il pareggio mentre la Folgore deve inseguire il successo. Condizione che porta Lepri a sbilanciare la squadra, tanto da inserire Garcia e Giardi, in campo contemporaneamente con Docente, Hirsch, Fedeli e Dormi. Quest’ultimo ha chiuso la partita come interno di centrocampo. A segnare però, dopo un tentativo impreciso per parte, è il Domagnano: l’uscita a vuoto di Gueye su corner di Gaiani innesca un flipper che recapita il pallone a Bara, che da pochi metri dalla porta sguarnita non può esimersi dal firmare il gol vittoria. Finale in sofferenza per il Domagnano, che sciupa il colpo del K.O. proprio con Gaiani, murato a tu per tu da Gueye, e si appella al riflesso di Colonna su Fedeli per certificare un prezioso successo. Folgore che resta a -5 dal quarto posto, occupato anche dalla Virtus in campo domani.

Medesima situazione per la Libertas, che resta appaiata ai campioni in carica a quota 35 punti. Il calendario non era certo favorevole ai Granata questo week-end, visto che i ragazzi di Cardini – tornato in panchina – affrontavano La Fiorita. Dopo un primo tempo a reti inviolate, l’episodio che avrebbe potuto scompaginare l’esito dell’incontro prende corpo al 56’: sugli sviluppi di un corner a favore della Libertas, il pallone esce sulla trequarti per Ruiz. Dopo un controllo imperfetto, l’esterno difensivo arriva a contatto con Gasperoni che entra con la gamba alta, colpendo il pallone per poi affondare i tacchetti sulla coscia dell’avversario. Per Cenci, posizionato perfettamente per valutare l’episodio, non ci sono dubbi: cartellino rosso e mezz’ora abbondante in inferiorità numerica per i vicecampioni in carica. Corpose le proteste dei Gialloblù: a farne le spese Vivan, ammonito, al pari del viceallenatore Angelo Lasagni dalla panchina. L’unica rete della sfida arriva poco più di cinque minuti più tardi e, nonostante le premesse, a metterla a segno è La Fiorita. Zulli e Rinaldi combinano bene dopo una rimessa laterale e l’esterno del capitano si infrange sul braccio dell’omologo Fraternali: ancora una volta Cenci è ben posizionato e comanda il penalty. Dal dischetto Errico non si fa pregare e trasforma alla perfezione, spolverando l’incrocio alla sua destra. È il gol-partita, che spinge La Fiorita in vetta a +1 sul Tre Penne – in attesa di capire come andrà l’incrocio dei capitolini con la Virtus, domani.

Completa il quadro di giornata lo scontro diretto di Montecchio tra Pennarossa e Faetano. In ritardo di quattro punti in classifica fino a ieri, gli uomini di Girolomoni andavano a caccia di un successo che potesse portarli a -1 dalla coppia composta da Virtus e Pennarossa, appunto. Successo che inizia a prendere forma dopo appena sei minuti di gioco, quando Tamburini detta il passaggio in profondità per attaccare la terza linea di Chiesanuova ed operare un tracciante rasoterra che trova puntuale il rimorchio di Pini. Sul fronte opposto, il numero 11 non lascia scampo a Semprini con un perfetto diagonale mancino che sblocca l’incontro. Il raddoppio è frutto di una travolgente azione personale di Kalemi, che sfonda sulla corsia di sinistra penetrando in area di rigore. Il cross sul primo palo è troppo invitante perché Tamburini non ne corregga la traiettoria in fondo al sacco. Matura così la seconda vittoria consecutiva del Faetano, che guadagna tre punti anche su Folgore e Libertas, mettendo nel mirino il quarto posto. Se domani il Tre Penne dovesse imporsi sulla Virtus, l’obiettivo – a inizio stagione impensabile – disterebbe un solo punto.

Questo il quadro degli anticipi della 16a giornata di campionato:

LIBERTAS
Zavoli, Pesaresi (dal 71’ Flores), Fraternali, Barretta, Nigretti, L. Gasperoni (dal 90’+6’ Dolente), Berretti (dal 71’ Giovagnoli), Cuomo, Olcese, Morelli, Ruiz
A disposizione: Gentilini, Ndao, A. Gasperoni, Moretti
Allenatore: Gabriele Cardini
LA FIORITA
Vivan, M. Gasperoni, Brighi, Miori, Grandoni, Errico, Lunadei, Zafferani, Rinaldi (dall’85’ Gregori), Zulli (dal 90’+1’ Votino), Guidi (dal 72’ Pancotti)
A disposizione: Venturini, Bonifazi, Sorbara, Hoxha
Allenatore: Oscar Lasagni
Arbitro: Giacomo Cenci
Assistenti: Francesco Mineo ed Alfonso Gallo
Quarto ufficiale: Outail Kaddoudi
Marcatori: 62’ rig. Errico
Ammoniti: Cuomo, Ruiz, Vivan Fraternali, Nigretti
Espulsi: M. Gasperoni

FIORENTINO
Binchi, D’addario, Bottoni, Filippi (dall’89’ Camillini), Arrigoni, Colagiovanni, Mastrota (dal 73’ Becchimanzi),
Michelotti (dal 61’ Borgagni), Castellazzi (dall’89’ Zouhri), Abouzziane (dal 73’ Perlaza), Ben Kacem
A disposizione: Berardi, Terenzi
Allenatore: Enrico Malandri
CAILUNGO
La Monaca, Ricci, Iuzzolino, Censoni (dal 37’ Ferrari), Quaranta (dall’83’ T. Conti), M. Muccioli, Santucci, Senja (dal 37’ Benedetti), Diallo (dal 37’ Grieco), Morri (dal 59’ Marinaro), L. Cecchetti
A disposizione: F. Vagnini
Allenatore: Cristian Protti
Arbitro: Luca Zani
Assistenti: Laurentiu Ilie e Carmine Nuzzo
Quarto ufficiale: Andrea Mei
Marcatori: 4’ Filippi, 19’ Michelotti, 26’ Abouzziane, 85’ Ben Kacem
Ammoniti: Iuzzolino, Ricci

DOMAGNANO
Colonna, Nanni, Mazzavillani, Bacchiocchi, Olivieri, Grieco, Ceccaroli (dal 66’ Bara), Gaiani, Angelini (dal 79’ Faetanini), Morena (dal 51’ Fancellu), Brighi
A disposizione: Ermeti, Semproli, Francioni, Ricchi
Allenatore: Massimo Mancini
FOLGORE
Gueye, Hirsch, Rosini, Piscaglia, Bonini (dall’84’ Giardi), Golinucci (dal 66’ Aluigi), Pasini (dal 66’ Garcia), Nucci, Dormi, Docente, Sottile (dal 46’ Fedeli)
A disposizione: Mignani, Cerquetti
Allenatore: Omar Lepri
Arbitro: Mattia Andruccioli
Assistenti: Salvatore Tuttifrutti ed Alfonso Giannotti
Quarto ufficiale: Raffaele Delvecchio
Marcatori: 84’ Bara

PENNAROSSA
Semprini, Mantovani, Martin, D. Conti, Raffelli (dal 54’ A. Conti), Cola, Michelotti (dal 54’ Tomassini), Isaraj, Tiboni (dal 63’ Ottaviani), Stefanelli, Zago (dall’84’ Rastelli)
A disposizione: Landi, Sebastiani, Dema
Allenatore: Andy Selva
FAETANO
Marino, Soumah, Fatica, Romagna, Tomassoni, Fall, Palazzi, Giardi, Pini (dall’88’ De Buono), Tamburini (dal 58’ Magno), Kalemi (dall’80’ Russo)
A disposizione: Broccoli, Igbin, Dominella, Vandi
Allenatore: Danilo Girolomoni
Arbitro: Marco Avoni
Assistenti: Gianmarco Ercolani ed Alessandro Salvatori
Quarto ufficiale: Emiliano Albani
Marcatori: 6’ Pini, 29’ Tamburini
Ammoniti: Zago, Mantovani, Isaraj, Fatica

FSGC | Ufficio Stampa