Indietro
menu
Intervento di Polizia Locale

Camere singole e corrente. Proprietari fuori Rimini, in quattro occupano l'albergo

In foto: l'intervento della Polizia Locale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 27 apr 2022 13:29 ~ ultimo agg. 19:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Si erano introdotti in un Hotel a Rivazzurra, su viale Mantova e si erano sistemati ciascuno in una camera diversa, prendendo le chiavi al bureau e attivando anche la corrente elettrica dal contatore generale. Un’occupazione abusiva di edificio ad opera di quattro persone che è stata interrotta ieri mattina dal Nucleo Sicurezza Urbana dalla Polizia Locale di Rimini.
Tutto è iniziato da una segnalazione fatta dai proprietari non residenti a Rimini che, avendo saputo che qualcuno si era introdotto nella loro struttura ricettiva, sono venuti a controllare di persona e hanno fatto una denuncia ai carabinieri nella loro città di residenza. Da lì l’immediata informazione al Comando di Polizia Locale di Rimini per organizzare le verifiche e i servizi del caso.
Ad occuparsene sono stati gli agenti in borghese del Nucleo Sicurezza Urbana che con l’aiuto di 2 unità cinofile – la scorsa settimana – hanno attivato diversi servizi, nelle ore diurne e notturne per costare la presenza abusiva di persone. Controlli che con l’ultimo servizio,  svolto la sera di lunedì 25 aprile, ha dato esito positivo in quanto gli agenti hanno accertato che all’interno della struttura si erano ‘sistemate’ 4 persone che,  introdottesi forzando una finestra su una terrazza, avevano occupato ciascuno una camera, prendendo le chiavi nel bureau dell’albergo e attivando anche l’energia elettrica dal contatore generale. Il rumore dell’irruzione con i cani ha messo in fuga tre di loro che sono riusciti a scappare dal retro, gli agenti hanno fermato un cittadino extracomunitario che è stato denunciato per l’articolo 633 cioè ‘occupazione abusiva di edificio’.  All’interno delle stanze sono state trovate, oltre ai fornelli rudimentali utilizzati per cuocere il cibo, anche ritagli e sostanze utilizzate per il taglio e la preparazione di sostanze stupefacenti.

Ieri mattina gli agenti sono tornati sul posto con la stessa squadra che era intervenuta e le unità cinofile per l’ultima verifica prima di chiudere tutte le entrate e ripristinare lo stato dei luoghi. Con loro anche falegname e muratore incaricati dalla proprietà per riparare le entrate divelte e ripristinare tutte le chiusure come prende la norma.