Indietro
sabato 28 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Vigilia di San Giovanni-Domagnano con il presidente Massimiliano Venturi

In foto: Massimiliano Venturi
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 15 mar 2022 10:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Settimana sliding doors in casa San Giovanni, con una doppia sfida in quattro giorni per cercare di mettere una nella ipoteca sulla zona playoff.

Reduci dalla netta sconfitta con La Fiorita (3-0 con tanto di espulsione di Berardi che sarà squalificato), i ragazzi di mister Marco Tognacci sono infatti chiamati al riscatto immediato contro il Domagnano che li sopravanza di appena tre lunghezze. Poi, domenica prossima, ecco quel Murata avanti invece appena di un punto ma con una gara in più. Un doppio appuntamento da non fallire, anche perché il Cailungo che si è riportato pericolosamente a cinque lunghezze incrocerà i tacchetti con il Faetano e il fanalino di coda Cosmos.

Il presidente Massimiliano Venturi è conscio dell’importanza della posta in palio e chiede una doppia prova di carattere e orgoglio per proseguire il cammino in linea con le attese nonostante la dea bendata con tutti gli occhi chiusi in fatto di infortuni vari.

Presidente, siamo davanti a uno di quei crocevia che possono segnare la stagione e non ci si arriva con il massimo dell’entusiasmo ripensando alla partita di domenica.
“Siamo consapevoli di quanto conteranno queste due gare, ma dobbiamo stare tranquilli e pensare solo a dare il massimo in ogni partita. Ne mancano sette e ci sono tutte le possibilità per raggiungere il nostro obiettivo: sabato non fa testo, perché eravamo veramente decimati fra infortunati e squalificati: ben tre L’unica nota davvero negativa è stata l’espulsione di Berardi, perché in questo momento gialli e rossi sono pesantissimi vista la situazione”.

Come sta il gruppo? Recupera qualcuno dall’affollata infermeria?
“Magnani rientrerà solo dopo la sosta, per Paoloni non se ne parla fino a fine aprile e per Marigliano la stagione è finita, con La Fiorita si è rivisto Ugolini che sta riprendendo la condizione migliore. Recuperiamo però i tre squalificati e faremo la nostra parte sicuramente, come sempre”.

Che partita si aspetta domani sera e cosa chiede a queste due sfide ravvicinate che seguono un trittico da un punto in tre gare, due con le prime della classe?
“Sarà una sfida tiratissima, perché il Domagnano è una squadra allestita per stare nei piani alti e che si trova invece a lottare insieme a noi. Dobbiamo stare in partita, dare il massimo con la testa giusta ma anche la tranquillità di chi sa che è in linea con gli obiettivi iniziali. Li abbiamo affrontati in Coppa e sono venute fuori due partite tiratissime in cui avremmo meritato ben altri risultati. Ce la giocheremo. Poi sotto con il Murata”.

Qual è secondo lei la quota playoff?
“Giocando ogni tre giorni cambiano le cose di settimana in settimana perché non ce n’è mai una piena in cui allenarsi e vengono fuori risultati sorprendenti a ogni turno. Dobbiamo chiudere bene questo ciclo di cinque gare in due settimane e poi sfruttare la sosta per prepararci al meglio al nuovo tour de force da cinque gare ravvicinate in cui incontreremo di nuovo anche il Domagnano”.