Indietro
mercoledì 25 maggio 2022
menu
Campionato Sammarinese

Futsal: un derby dal sapore di play-off accende il 13° turno

In foto: ©FSGC
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 20 mar 2022 12:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La penultima di Intergirone offre un piatto assai succulento all’interno del menu di serata. A Fiorentino andrà in scena il derby fra il Fiorentino e il Tre Fiori, l’una desiderosa di non perdere ulteriore terreno dalla capolista Folgore ma ancor di più di non farsi riavvicinare dal Domagnano, l’altra con una sola idea in testa: proteggere la vetta solitaria di recente conquistata. Un incrocio che prefigura un agonismo da post season, oggetto della direzione di gara della coppia composta, non a caso, dall’internazionale Daniele D’Adamo e da Sirio Lanuti.

Tutto questo quando sullo stesso campo si sarà giocata La Fiorita-Juvenes-Dogana, con i Gialloblù che di recente hanno dovuto rallentare dopo tre vittorie consecutive ma che restano in piena lotta per la prima posizione. Una vittoria della banda di Montegiardino sarebbe anche un viatico per mettere pressione al Tre Fiori a pochi istanti dal fischio d’inizio del derby. E questo la banda di Montegiadino lo sa. In casa Juvenes-Dogana, ritrovata la vittoria ora l’idea è quella di darle continuità: missione difficile pur con l’assenza, tra le file avversarie, dello squalificato Mattioli, ma unica via per sperare di riaprire un discorso play-off che, a onor del vero, appare già piuttosto compromesso.

Certo non ha di questi pensieri la Folgore, che la continuità la ricerca, semmai, per aggiornare i suoi numeri straordinari. La capolista del Gruppo A viaggia a vele spiegatissime e domani cercherà l’undicesima meraviglia nel torneo a spese della Virtus, reduce dalla batosta subita contro il Fiorentino e sempre sulla corda a causa della presenza incalzante del Pennarossa, ad un punto appena di ritardo dalla zona play-off delimitata proprio dai Neroverdi. La squadra di Chiesanuova non avrà dalla sua Rinaldi, appiedato dal Giudice Sportivo, ma cercherà comunque di operare il sorpasso approfittando dell’impegno complicatissimo dei diretti rivali. Sulla strada dei ragazzi di Casadei si parerà il San Giovanni, che ha perso contatto dalla zona play-off (ovvero dal Domagnano) ma che non rinuncia affatto all’idea di riaprire i giochi. A Davide Gualtieri e ai suoi ragazzi – fra i quali rientrerà dalla squalifica Volpinari – il compito di fermare una striscia nera di tre sconfitte consecutive.

Il Domagnano ha invece intrapreso un cammino virtuoso dopo la sconfitta di fine 2021 contro il Tre Fiori. Il pareggio ottenuto nell’ultimo turno con La Fiorita, ex capolista dell’altro raggruppamento, è un risultato che Lupi non hanno affatto disprezzato ma che ha fatto perdere loro contatto dalla seconda posizione, quella occupata dal Fiorentino. Domani l’avversario sarà il Cosmos, sempre in corsa per la post season – sono appena cinque le lunghezze che separano i Gialloverdi dalla Virtus – ma anche bisognoso di confrontarsi le sensazioni del dopo derby, terminato con una sconfitta dalle proporzioni pesanti. Se preverrà la voglia giallorossa di continuare a migliorare una classifica buona ma ancora migliorabile, o se prevarrà il desiderio di riscatto della banda di Dante Canducci, è quanto si appurerà al triplice fischio del secondo match in programma a Dogana.

Ad Acquaviva, prima di San Giovanni-Pennarossa andrà in scena il confronto fra il Faetano e la Libertas, quest’ultima al rientro dal turno di riposo. Lunedì scorso i Gialloblù hanno festeggiato il primo successo in questa edizione del torneo: il carico di adrenalina immagazzinata contro il Cailungo potrebbe anche marcare la differenza nell’economia del confronto, al quale la Libertas, dal canto suo, si affaccerà motivata dalla ricerca di un risultato che possa non solo allungare la striscia positiva ma anche rinverdire le speranze – al momento non così cospicue – di riaprire il discorso play-off. Serata di riposo per il Cailungo.

FSGC | Ufficio Stampa