Indietro
menu
Il rientro a Rimini

Da Cape Town al Kilimangiaro: 7.500 km in moto per due giornalisti riminesi

In foto: @emilio salvatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 16 feb 2022 23:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Hanno fatto rientro a Rimini nei giorni scorsi i due giornalisti riminesi impegnati nelle scorse settimane nella realizzazione di un fotoreportage che li ha visti attraversare in moto mezza Africa, da Città del Capo ad Arusha, il capoluogo della regione dei Masai al confine con il Kenya. Un viaggio lungo 7.500 km che oltre al Sud Africa ha attraversato Namibia, Botswana, Zambia, Tanzania, che Emilio Salvatori e Cristina Zoli, compagni di vita, di lavoro e d’avventura, si apprestano a raccontare sul magazine Due Ruote, la rivista del gruppo Edidomus che vanta la maggior tiratura in Italia tra le pubblicazioni specialistiche dedicate alla motocicletta, con la quale collaborano da anni raccontando di viaggi in moto e d’avventure in Italia e nel mondo.

Un’esperienza caratterizzata da un territorio unico dove le dune si gettano nell’oceano, le piste sono interminabili e deserte, zebre, onyx, giraffe, impala, gnu, possono in ogni momento attraversare il cammino, così come è possibile incontrare, come è successo, i giganteschi elefanti africani. “Ma più che per gli animali la vera paura arriva quando, per attraversare le frontiere, ci si deve sottoporre al Covid test”,  raccontano i due protagonisti che hanno terminato il proprio viaggio in terra Masai ai piedi del Kilimangiaro, riconsegnando, con qualche segno e km in più ma perfetta, la Royal Enfield Himalayan con cui è stato effettuato il viaggio, ai titolari della East African Motorcycles, l’importatore tanzaniano della piccola enduro indiana che, esattamente un mese prima, aveva messo loro a disposizione la moto.

“Un viaggio straordinario – hanno detto i protagonisti – alla portata di molti che, nelle prossime settimane, vorremmo raccontare in un momento pubblico ai tanti appassionati riminesi che, magari sulle nostre pagine social, ci hanno seguito nel corso di questa avventura.”