Indietro
giovedì 19 maggio 2022
menu
Baseball Serie A

San Marino Baseball, Angelo Palumbo si presenta così: "qui per vincere"

In foto: Angelo Palumbo
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 22 dic 2021 12:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’acquisto di Natale del San Marino Baseball è Angelo Palumbo, lanciatore destro italo-venezuelano che nel 2021 ha vestito la maglia della Fortitudo Bologna e quella della nazionale azzurra agli Europei di Torino di settembre.

Nato il 10 novembre del 1995 a Maracaibo, in Venezuela, ha avuto come squadre del percorso italiano Bolzano e poi Bologna (quest’anno 6 vinte e 0 perse, 1.71 di ERA), mentre nel paese natio si è misurato con Cardenales de Aragua e Tigres de Lara.

La discendenza italiana gli arriva dal padre, di Napoli, mentre l’inizio di carriera è segnato dal contratto con gli Orioles e dagli esordi in rookie league, nello specifico la Summer League dominicana. Poi è Europa, all’inizio in Germania, dove nel 2017 è impegnato con i Bad Homburg Hornets. Poi le due ottime stagioni con Bolzano, in A2, e infine Bologna. Nel frattempo, dal 2018, veste la maglia dell’Italia, chiudendo un cerchio con le sue origini.

Angelo, cosa l’ha spinta ad accettare la proposta di San Marino?
“Beh, perché è una squadra al top in questo campionato”.

Cosa rappresenta per lei l’Italia?
“Tutto, senza dubbio. Mi sono state aperte le porte per giocare a baseball e io di questo sarò sempre grato e con la massima disponibilità. Con tutto il cuore”.

Chi conosce della sua nuova squadra?
“Per diverse ragioni direi quasi tutti. Abbiamo avuto modo di incontrarci in diverse occasioni tra campionato e Nazionale”.

Cosa si aspetta dal prossimo campionato?
“Voglio aiutare il più possibile la squadra con l’obiettivo di rimanere Campioni d’Italia e di puntare al titolo in Europa”.

Vuole salutare i suoi nuovi tifosi?
“Certo, con piacere. Un grande saluto a tutti i tifosi di San Marino. Un abbraccio forte a tutti, a presto!”