Indietro
martedì 17 maggio 2022
menu
Basket B Femminile

La Ren-Auto chiude la prima fase con un successo sul Basket 2000 Senigallia

In foto: Matilde Mescolini (Foto @Simone Marcaccini)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 19 dic 2021 00:54 ~ ultimo agg. 00:55
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

REN-AUTO – BASKET 2000 SENIGALLIA 61-56 (19-15; 16-12; 18-14; 8-15)

IL TABELLINO
REN-AUTO: Novelli 10, Pignieri 7, Duca N. 7, Renzi 2, Borsetti, Capucci 16, Monaldini, Lazzarini 7, Tiraferri 3, Mescolini 9. All. Rossi.

BASKET 2000: Cantone 17, Amadei, Bernardi 2, D’Amico, Borghetti 2, Formica 1, Lazzari, Torruella 14, Angeletti 11, Ceccanti 9. All. Luconi.

Arbitri: Guerrini e Gaudenzi.

CRONACA E COMMENTO
Ultima partita dell’anno e ultima della prima fase per la Ren-Auto di coach Pier Filippo Rossi: sul campo amico della Carim le rosanero ospitano il Basket 2000 Senigallia in un match che vale molto, perché in gioco c’è il secondo posto e la possibilità di portarsi dei punti nella fase playoff.
All’andata si impose, a suon di triple, Senigallia per 51-45, ma alla Ren-Auto interessa innanzitutto vincere e solo eventualmente ribaltare il doppio confronto per togliersi la soddisfazione di agguantare il secondo posto.

Coach Rossi deve ancora rinunciare ad Eleonora Duca e Madonna, oltre a Gambetti, ma recupera Pignieri e, seppur non in perfette condizioni fisiche, Noemi Duca. L’Happy parte con un quintetto composto da: Novelli, Lazzarini, Pignieri, Capucci e Renzi.

Il primo canestro della partita lo segna Capucci ed è una tripla in transizione. Senigallia mette la testa avanti sul 3-4 e la mantiene, con scarti minimi, per 6’/7′, fino a quando Novelli trova il pareggio e Tiraferri con una tripla dall’angolo concretizza il nuovo vantaggio sul 13-10. Un canestro di Pignieri vale il +4 al primo intervallo, 19-15.

Il secondo quarto è tutto di marca rosanero con la Ren-Auto che trova in Mescolini una protagonista inattesa: la 2004 segna il primo canestro della frazione, quello del 21-15, e in difesa contribuisce non poco ad annebbiare le idee a Senigallia. La difesa nel complesso fa un grande lavoro per limitare Cantone e l’argentina Torruella e questo, insieme alla verve offensiva di Capucci che guida l’attacco, contribuisce ad aumentare il divario tra le squadre. All’intervallo la Ren-Auto è avanti di 8, sul 35-27.

Nella terza frazione l’inerzia è sempre saldamente in mano all’Happy: capitan Novelli dirige la squadra con lucidità e Mescolini dimostra di essere in trance agonistica con 6 punti tra cui la tripla del 53-41 che dà alla Ren-Auto il massimo vantaggio in chiusura di quarto.

Negli ultimi 10′ le rosanero cominciano a pagare la fatica e Senigallia poco alla volta si riavvicina: parziale di 3-13 e partita completamente riaperta sul 56-54. Quando, dopo un time-out, Lazzarini insacca la tripla del 59-54 ad un paio di minuti dalla fine, la Carim esplode. È il canestro che di fatto chiude la gara: la Ren-Auto non riesce a ribaltare la differenza canestri nel doppio confronto, ma, cosa ben più importante incassa due punti d’oro per la seconda fase. Finisce 61-56.

IL DOPOGARA
«Sono contentissimo perché le ragazze nelle ultime settimane hanno lavorato molto bene nonostante le assenze – commenta coach Rossi, spendendosi l’una per l’altra e aumentando ulteriormente l’unità di questo gruppo. Dobbiamo ringraziare chi oggi non era al meglio perché ha fatto un sforzo per dare il proprio contributo. Era importante portare punti nella seconda fase e stasera ci siamo meritati la vittoria: loro sono una bella squadra e la partita è stata tosta, ma noi abbiamo fatto qualcosa in più e dobbiamo essere orgogliosi del risultato. Il nostro settore giovanile, poi, ci ha dato una bella mano e per questo siamo contenti due volte».

Massimiliano Manduchi
Ufficio Stampa Rimini Happy Basket