Indietro
menu
si studiano soluzioni future

Vecchia Pescheria, il Comune esclude l'atto vandalico: "E' stato un incidente"

In foto: il banco danneggiato transennato dagli operai
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 2 nov 2021 12:51 ~ ultimo agg. 3 nov 10:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il danneggiamento di uno degli antichi banchi della Vecchia Pescheria è stato causato da un incidente e non da un atto vandalico. E’ questa la tesi, ormai accertata, del Comune di Rimini che attraverso l’assessore alle Attività economiche, Juri Magrini, sta studiando come far convivere le attività umane con la salvaguardia dei beni storico architettonici.

“Che non si tratti di atto vandalico ma di un incidente, dovuto a motivi oggetto di verifiche da parte degli organismi tecnici, è a questo punto l’ipotesi più solida – spiega Magrini in una nota -. In ogni caso quanto accaduto pochi giorni fa alla Vecchia Pescheria, con la caduta di una porzione degli antichi banchi in marmo, merita una riflessione più ampia. Quello, come altri in centro, è un luogo speciale, nel senso che vede convivere ogni giorno attività umane e beni storico architettonici. E la convivenza è un valore da mantenere, visto che una città chiusa o blindata nelle sue singoli parti è quanto di più distante dall’idea di una Rimini aperta, libera, capace di ripensarsi intorno a centri relazionali e ricchi di cultura e storia. Ciò però significa cercare e ricercare costantemente l’equilibrio tra tutela e fruizione di quei luoghi. Ci sono e ci saranno gli atti amministrativi ma prima di tutto occorre condividere un corpus di regole civili, fondato su responsabilità e amore per quei luoghi, tra istituzione e chi lì ci vive o lavora.

“Per questo nei prossimi giorni – anticipa l’assessore – incontrerò i gestori delle attività che si affacciano sulla Vecchia Pescheria per definire un modo più equilibrato appunto di conciliare le ragioni delle relazioni e dell’economia con quelle della salvaguardia del patrimonio del passato, che a tutti gli effetti è un bene comune e di comunità. La soluzione non può essere ricercata nei soli divieti, nelle blindature, nell’appendere cartelli con su scritto ‘off limits’. Dobbiamo cercare l’equilibrio tra persone responsabili, che sanno che città tirate a lucido ma senza donne e uomini sono paurose distopie, ma nello stesso tempo sono consapevoli che il caos e una relativa attenzione verso la storia e l’arte sono il sintomo di una società con scarso se non alcun futuro”.

Meteo Rimini
booked.net