Indietro
mercoledì 19 gennaio 2022
menu
Basket Serie B

RBR, coach Ferrari e il play Rivali presentano la sfida con il Giulianova Basket

In foto: Foto Nicola de Luigi
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 27 nov 2021 18:56 ~ ultimo agg. 28 nov 15:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Domenica alle 18:00 al Flaminio si gioca RivieraBanca Basket Rimini-Basket Giulianova. La partita sarà trasmessa su Icaro TV (canale 91) domenica alle 20:35.

La vigilia in casa biancorossa.

Mattia Ferrari (coach RBR), domani si torna al Flaminio per la sfida contro Giulianova. Cosa servirà alla squadra per conquistare i due punti?
“Giocare con grande intensità e durezza dall’inizio, dovremo fare una partita d’impatto perché Giulianova non sta attraversando un buon momento, ma ha comunque delle caratteristiche tecniche importanti: Giacomelli rientra ed è un addizione di talento e punti sul perimetro e può giocare sia ala piccola che ‘4’, Fattori è dominante e Motta ha molto talento come esterno. Questi tre giocatori, insieme a Caverni che è interessante per il livello del campionato, indicano che Giulianova vale più di quello che adesso dice la sua classifica; come tutte le squadre che hanno un brutto momento può arrivare a Rimini e giocare una partita importante con gagliardia e coraggio. Noi dobbiamo evitare di essere travolti dal punto di vista dell’energia.”

Si aspetta una bella cornice di pubblico come due settimane fa contro Ozzano?
“Lo spero, noi abbiamo necessità di avere il nostro pubblico vicino. È un piacere giocare in un ambiente bello e caldo col pubblico numeroso: questo aiuta i giocatori a giocare meglio rispetto ai palazzetti vuoti e freddi che viviamo da ormai più di un anno. Il nostro è un gioco di emozioni e per questo il pubblico è un fattore determinante.”

Ora che la squadra sta lavorando col roster completo, a che punto è la preparazione della squadra che aveva in mente quest’estate?
“Ci stiamo rimettendo in carreggiata: Mladenov non è ancora al cento percento a causa di un piccolo risentimento muscolare, è leggermente più avanti rispetto alla partita di Imola ma bisogna dargli ancora tempo, mentre Tassinari è sempre più inserito, ormai lui è a pieno regime. Viviamo alla giornata, l’importante per noi è riuscire a fare un buon allenamento ogni giorno ed avere i giocatori sani: innanzitutto bisogna avere i giocatori, poi allenarli e portarli alla partita nelle migliori condizioni possibili.”

Eugenio Rivali (playmaker di RBR), i vostri avversari sono reduci da un brutto periodo e sicuramente verranno al Flaminio con l’intenzione di rifarsi.
“Non dobbiamo farci distrarre dal fatto che loro vengono da sei sconfitte di fila, ma continuare nel nostro processo di crescita con l’inserimento di Tassinari e Mladenov. Vogliamo proseguire sulla striscia di Imola e continuare a vincere perché dobbiamo recuperare il percorso su chi è davanti. Giulianova verrà qua avvelenata, sarà importante subito partire concentrati ed indirizzare la partita sui nostri binari.”

Com’è stata la settimana di allenamento appena conclusa dopo la vittoria nel derby contro Imola?
“È stata una solita settimana di allenamenti intensi, c’era entusiasmo dopo il derby vinto però sempre focalizzandoci sulla nostra crescita e sulla cura dei dettagli con l’obiettivo di migliorare ogni settimana. Purtroppo siamo partiti un po’ ad handicap, dobbiamo accelerare i tempi di amalgama.”

Cos’è cambiato dal suo punto di vista dopo il rientro di Tassinari?
“Posso dare il cento percento in ogni momento della partita perché so che non devo più gestire minutaggio e falli: questo mi permette di dare tutto e lui può fare altrettanto. Sono convinto che lungo la stagione potremo giocare insieme, al momento quest’alternanza ci permette di esprimerci entrambi al meglio.”

Ufficio Stampa RivieraBanca Basket Rimini

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Roberto Bonfantini   
VIDEO
di Roberto Bonfantini   
VIDEO