Indietro
menu
compleanno di Riccione

Piovani incanta il pubblico con la sua "musica pericolosa"

In foto: Nicola Piovani
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 25 ott 2021 14:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un ispirato Nicola Piovani protagonista al Palacongressi di Riccione per il novantanovesimo compleanno della città: “Sì, la musica è pericolosa”, ha detto il premio Oscar presentandosi al pubblico. Alla musica ha intervallato il racconto della sua carriera alternata ad episodi della sua vita professionale ed umana. Ad accompagnare il maestro al pianoforte c’erano i polimusicisti Marina Cesari al sax e al clarinetto, Pasquale Filastò al violoncello e alla chitarra, Ivan Gambini alla batteria e alle percussioni, Marco Loddo al contrabbasso e Sergio Colicchio alle tastiere e fisarmonica.

Mentre la musica riempiva la sala Concordia le immagini dei film per i quali Piovani ha scritto le colonne sonore scorrevano sul fondale. Da “L’intervista” e “Ginger e Fred” di Fellini, “il Marchese del Grillo” di Monicelli fino all’ultimo pezzo tratto dal film di Roberto Benigni “La Vita è bella”.La musica – ha detto – è anche qualcosa che cresce inconsapevolmente dentro di noi, come i tre rintocchi di campane che scandivano le giornate del giovanissimo Piovani e che solo anni dopo, come un seme germogliato, sono diventate le tre note portanti della canzone “Il Bombarolo”, scritta da Fabrizio De Andrè”.

A conclusione della serata il musicista romano ha dichiarato davanti ad un pubblico entusiasta: “Una frase famosa recita che se non sei in tv non esisti, ebbene sono molto felice di aver trascorso con voi queste due ore di “non esistenza”.

La serata era stata introdotta da Ilaria Ercolani, ballerina e performer, preceduta dai saluti istituzionali del sindaco Renata Tosi, l’assessore Turismo Cultura Eventi, Stefano Caldari e l’assessore con delega al Centenario Alessandra Battarra. Allo scrittore e poeta Davide Rondoni, nonché direttore artistico del Centenario, l’intervento poetico dal titolo “Il canto del tempo e del mare”.

Sabato, sempre nell’ambito delle iniziative dedicate al compleanno, la musica dei giovani musicisti locali ha riempito Piazzale Ceccarini con “Arciòn – Musica e illustrazione”, contest artistico condotto da Louseen Smit nome d’arte di Luisina Ilardo, giovane illustratrice nata in Argentina e riccionese d’adozione. Con coraggio e determinazione, nonostante il maltempo, ragazzi di età compresa tra i 15 e i 25 anni provenienti dalle scuole Musicantiere, Giocamusica  e dall’Istituto Musicale di Riccione  hanno alternato l’esecuzione di brani originali dedicate alla città in cui vivono, raccontando esperienze e ricordi nella loro città.

Notizie correlate
di Redazione