Indietro
menu
usare la tolemaide

Variante SS16. Ceccarelli: difendere le imprese agricole

In foto: Enzo Ceccarelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 30 set 2021 16:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ necessario difendere le aziende agricole riminesi, che rischiano pesanti ripercussioni se venisse realizzata la variante della Statale 16 adottando il tracciato presentato recentemente in Provincia”. Ad affermarlo il candidato del centro destra Enzo Ceccarelli che contesta la variante che ha ricevuto il via libera dai ministeri competenti, “ma la sua attuazione – dice Ceccarelli – deve essere ripensata. Insieme a lui Carlo Carli, presidente di Confagricoltura di Forlì-Cesena e Rimini.

Il tema è stato analizzato nel corso di un incontro che si è svolto nella sede di Confagricoltura, alla presenza di un nutrito gruppo di imprenditori agricoli riminesi.

Nessuno dei partecipanti ha posto in dubbio la necessità di ammodernare la Statale 16, che da tempo non risponde più alle esigenze del territorio, ma la richiesta degli agricoltori è che si possano creare ulteriori occasioni d’incontro, tra enti, comuni e portatori d’interesse, per esaminare problemi che al momento appaiono sottovalutati“.

L’attuale tracciato, che tagliarebbe in diagonale la via Tolemaide, verrebbe ad occupare terreni agricoli ortivi di alto pregio. “La soluzione semplice e alternativa sembra essere a portata di mano: basterebbe infatti utilizzare direttamente la Tolemaide, senza nuovo consumo di territorio e senza un cavalcavia impattante. L’ipotesi attuale di variante presentata, oltre al consumo del territorio, renderebbe difficile anche la coltivazione e la manutenzione dei campi “spezzettati”” .

Il secondo problema è che, rispetto al progetto originario del 2009, sono passati diversi anni e l’ANAS ha proposto delle variazioni relative alla viabilità secondaria, alle intersezioni e alle strade di arrocco che, se attuate con le modalità indicate nelle rappresentazioni planimetriche mostrate, produrrebbero ulteriori frazionamenti delle proprietà risultando inaccettabili per alcune aziende agricole. L’incontro si è concluso con l’auspicio che dopo il voto amministrativo si possa aprire un tavolo di confronto, con tutti gli enti e le associazioni interessate, per trovare le soluzioni più idonee al tracciato della variante della Statale 16 nella provincia di Rimini“.