Indietro
menu
Elezioni rimini

Dove va la nostra scuola? Un incontro promosso da Rimini Coraggiosa

In foto: Mara Marani
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 19 set 2021 10:45 ~ ultimo agg. 12:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Mara Marani, capolista di Rimini Coraggiosa ed ex dirigente scolastica, modererà domani (lunedì 20 settembre) alle 18 un incontro nella sala Marvelli della Provincia di Rimini (via Dario Campana, 64) dal titolo: “Dove va la nostra scuola? Un dialogo continuo fra docenti, studenti, famiglie e istituzioni”. Ospiti Vincenzo Aulizio, insegnante di Lettere, storico, formatore e appassionato di didattica e Paolo Fabrizio Correggioli, docente di economia aziendale. Interverranno, per raccontare le loro esperienze nel mondo della scuola: Marco Tonti, docente di informatica e capolista di Rimini Coraggiosa insieme a Mara Marani, Francesca Chicchi, docente di Lettere, Armida Loffredo, insegnante di Inglese e Teatro, Arianna D’Angelo, educatrice sociale.

Secondo la Marani, che ha passato una vita dedicata all’educazione dei giovani, il tema della scuola è un tema “proprio necessario” “anzi è indispensabile parlare di scuola qui a Rimini, si, a Rimini che è una città così tanto orientata al turismo e al commercio, quasi esclusivamente preoccupata degli effetti del turismo e delle numerose attività inerenti. Eppure bisogna parlarne eccome, anche in occasione di queste elezioni amministrative. La scuola è e rimarrà la radice più forte della nostra comunità e del nostro futuro. È il luogo più autentico dove si esercita la democrazia e l’uguaglianza, dove ogni ragazzo, futuro cittadino, impara sul campo direttamente la cittadinanza attiva. Grandi, importanti, sono i compiti dell’ Amministrazione Locale nei confronti della scuola e non riguardano soltanto quello di garantire edifici accoglienti e sani, mense e trasporti di qualità ma quello soprattutto di promuovere attenzione e supporto alle iniziative didattiche e formative creando una rete culturale in cui le scuole, i docenti, gli studenti siano protagonisti e trovino occasioni di crescita democratica” conclude.

Notizie correlate