Indietro
menu
bellariva

Tentato omicidio fuori dal pub. Arrestati gli accoltellatori

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 13 ago 2021 15:21 ~ ultimo agg. 14 ago 11:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è conclusa con il fermo di due giovani da parte della polizia la caccia agli autori del grave accoltellamento avvenuto due sere fa, l’11 agosto, fuori da un pub di via Fano a Bellariva. Si tratta di due tunisini di 19 e 20 anni. La vittima del tentato omicidio, un 38enne marocchino, versa ancora in gravissime condizioni all’ospedale Bufalini di Cesena.

Nella colluttazione erano rimasti feriti in maniera lieve anche altri due amici connazionali del 38enne. Per i tunisini è stato disposto il fermo di indiziato di delitto e sono attualmente rinchiusi nel carcere dei Casetti a diposizione dell’autorità giudiziaria. L’indagine ha avuto origine dalla segnalazione partita dall’ospedale di Rimini, dove i tre feriti si erano recati la notte dell’11 agosto. Lì il 38enne, appena varcato l’atrio d’ingresso dell’Infermi, aveva perso i sensi ed era crollato tutto insanguinato sul pavimento.

Un’ora e mezza prima i tre marocchini avevano iniziato una feroce di discussione (i cui motivi sono ancora ignoti) con i tunisini. Sarebbero stati proprio questi ultimi a provocare lo scontro. Dalle minacce era scaturita una violenta colluttazione notata dal titolare del pub, che, spaventato da quello che stava accadendo davanti al suo locale, aveva richiesto l’intervento dei carabinieri. All’arrivo della pattuglia del Radiomobile, però, i cinque si erano già dileguati. Poi, alle 3.30, ecco che i tre marocchini sono comparsi all’Infermi: uno di loro era gravissimo e per salvargli la vita è stato necessario un delicato intervento chirurgico.

La Squadra mobile ha sentito gli amici del 38enne, oltre ad altri testimoni, e iniziato un’attività investigativa che ha portato i poliziotti ad individuare e arrestare la coppia di giovani tunisini.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.