Indietro
menu
incontro con il sindaco

Residenti via Ducale infuriati: senso unico ancora rinviato o cancellato

In foto: il traffico nel rione Clodio a Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 19 ago 2021 14:23 ~ ultimo agg. 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non è più un quando ma un se. Il tema è il nuovo senso unico monte/mare su via Circonvallazione Occidentale, agognato dai residenti di via Ducale e del Rione Clodio di Rimini, alle prese da due anni con il grande carico di traffico che si riversa in quella zona. Il progetto sembrava cosa fatta ma per i residenti, che martedì 17 agosto hanno incontrato sindaco e vicesindaco è arrivata una doccia fredda. “I vertici del Comune – scrivono in un comunicato – ci hanno comunicato che l’intervento prospettato da tempo come risolutorio per il traffico su via Ducale (e annunciato più volte come cantiere imminente da inizio 2020), che prevede il senso unico su via Circonvallazione Occidentale è ancora in corso di valutazione. Hanno inoltre comunicato che è rinviata a data da destinarsi la realizzazione della rotatoria all’altezza di via D’Azeglio propedeutica per l’attivazione del varco Ztl, a causa dell’esproprio di un piccolo fazzoletto di terra lato invaso del Ponte di Tiberio (che ci era stato assicurato in precedenza non avrebbe bloccato l’avvio dei lavori)“.

I residenti dicono di sentirsi presi in giro, visto che ad inizio luglio l’amministrazione aveva organizzato un incontro per spiegare cosa sarebbe cambiato con la nuova viabilità. Modifica che poi era stata rinviata per la concomitanza con il cantiere di Porta Galliana: “Ora la conferma del rinvio e forse addirittura della sospensione totale è arrivata direttamente anche dalla bocca del Sindaco Gnassi e incredibilmente dalla sua Vice Roberta Frisoni. Quest’ultima in questi 23 mesi ha sempre rassicurato i residenti di via Ducale sulla realizzazione del progetto di senso unico. Pensare che si sia ritornati a rivalutare la fattibilità del progetto fa sorridere, per non dire piangere”.

I residenti sostengono che il prendere nuovamente tempo sia legato alle amministrative alle porte: “Gnassi e Sadegholvaad temono che il cambio di viabilità provochi, in prossimità delle elezioni, gravi disagi alla circolazione con la conseguenza di far “arrabbiare” gli utenti della strada che non voterebbero a favore del Candidato Sindaco Sadegholvaad”.

Allegano anche una lettera datata 2018 con cui il sindaco, al termine dei lavori alla passerella sul ponte di Tiberio, si scusava per i disagi subiti per l’aumento di traffico.”Oggi dopo due anni nei quali abbiamo sopportato gli stessi sacrifici, vuole continuare a farci vivere con rischi di incolumità quando usciamo di casa, rumore fuori dai limiti di legge (avevamo chiesto ad Arpae a febbraio una rilevazione che non avete autorizzato), polverisottili che rimangono a lungo fra le case che formano una sorta di canyon“.