Indietro
martedì 26 ottobre 2021
menu
Internazionali San Marino

Cecchinato debutta vincendo il derby con Lorenzi. Il riminese Mazza avanti

In foto: Marco Cecchinato e Paolo Lorenzi (Foto Felice Calabrò - San Marino Open)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 9 ago 2021 21:39 ~ ultimo agg. 10 ago 13:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tanti applausi per Marco Cecchinato, che come un vecchio amico, è tornato sul luogo in cui ha spiccato il volo verso i piani alti della classifica, ma anche per Paolo Lorenzi, un autentico esempio per colleghi e appassionati, prossimo ai 40 anni ma ancora a lottare nel circuito.

Tanto pubblico si è dato appuntamento sul Centrale del Centro Tennis Cassa di Risparmio di Montecchio per il derby tricolore che rappresentava il match di cartello della giornata di apertura del main draw degli Internazionali di Tennis San Marino Open, appuntamento dell’ATP Challenger Tour (€ 66.640 il montepremi) tornato a distanza di sette anni dall’ultima edizione.

E le attese non sono state tradite, perché il 28enne di Palermo e il senese (era avanti 2-0 nei precedenti), hanno dato vita a bell’incontro. Basti dire che nella prima frazione Cecchinato, questa settimana numero 86 del ranking mondiale e prima testa di serie nel torneo che lo ha lanciato nel 2013, è stato costretto a rincorrere Lorenzi, avanti di un break, fino al 5-4 quando è andato a servire per il set. Nel momento chiave il siciliano ha saputo reagire, piazzando il contro-break e salendo 6-5. Sullo slancio Marco si è anche procurato due set-point consecutivi, annullati con tenacia da Paolo, con tanto di piccola polemica con l’arbitro di sedia per un warning per “time violation”. C’è voluto il tie-break dunque per decidere il parziale, sempre in controllo di Cecchinato, che ha chiuso per 7 punti a 3 con una risposta vincente. Passata la paura, il palermitano è andato subito avanti anche nella seconda partita, chiudendola 6-2 dopo un’ora e 34 minuti.

Nell’incontro di chiusura del programma di giornata Luca Nardi si è aggiudicato per 6-4 6-4 il derby tricolore fra wild card con Raul Brancaccio. Il 17enne di Pesaro sarà dunque al secondo turno il prossimo avversario di Marco Cecchinato, numero 1 del tabellone.

Sorrisi tricolori anche nelle qualificazioni, dove tre dei quattro tennisti promossi sono italiani. Staccano il biglietto per il main draw il cesenaticense Francesco Forti ha dato dimostrazione di solidità battendo 6-1 6-4 l’ucraino Vladyslav Orlov, Julian Ocleppo ha domato in rimonta, per 4-6 7-6(3) 7-6(2) dopo oltre tre ore di lotta il russo Pavel Kotov, numero uno delle “quali”, e il riminese Manuel Mazza si è regalato il più bel momento fin qui in carriera superando 2-6 7-6(1) 6-1 il russo Alexander Shevchenko, quarta testa di serie delle “quali”, così da meritarsi una indimenticabile prima volta nel tabellone principale di un challenger ATP. Con tanto di sfida di nuovo sul Centrale al boliviano Hugo Dellien, n.142 del ranking e quarta testa di serie, appena lo scorso arrivato al 72esimo posto mondiale, in una giornata con un menù da leccarsi i baffi, con in cartellone i restanti tredici incontri di primo turno, con il debutto di tutti gli altri attesi protagonisti, a cominciare dal francese Gilles Simon e dall’altro siciliano Salvatore Caruso, rispettivamente seconda e terza testa di serie.

Notizie correlate