Indietro
menu
Un arresto e due denunce

Bivacchi in pessime condizioni igieniche. Controlli dei Carabinieri in strutture abbandonate

In foto: i controlli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 22 lug 2021 13:53 ~ ultimo agg. 23 lug 09:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

All’alba di oggi a Miramare, i Carabinieri della Compagnia di Rimini hanno ispezionato quattro strutture ricettive abbandonate, tra cui la ex colonia Enel ed il Camping Maximum. I militari hanno rintracciato ed identificato nel loro interno 15 extracomunitari di origine nordafricana, che dopo l’effrazione dei dispositivi di protezione per impedire accessi non autorizzati, avevano occupato alcune stanze realizzando dei dormitori improvvisati, utilizzando vecchi arredi recuperati in loco. Pessime le condizioni igienico sanitarie riscontrate: i 15 controllati dormivano a contatto con escrementi umani e resti di cibo, in tutto il locale, c’erano candele consumate che, in qualche punto, avevano innescato principi d’incendio all’esaurirsi della cera la cui fiamma veniva a contatto con il legno dei mobili.

Tra le persone identificate, un 26enne tunisino è stato tratto in arresto per il reato di reingresso illegale sul territorio nazionale a seguito dell’accompagnamento alla frontiera”. Già espulso ed accompagnato alla frontiera di Bari il 9 ottobre 2020, era rientrato clandestinamente nel territorio nazionale. Altri due sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rimini, poiché inottemperanti al provvedimento di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Questore di Rimini da oltre 40 giorni. Uno di questi veniva trovato in possesso di quasi 8 grammi di cocaina, per i quali è stato altresì sempre denunciato per possesso stupefacenti. Nei confronti degli altri 12 soggetti, tutti senza fissa dimora, erano già state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale.

L’arrestato dopo il rito di convalida dell’arresto è stato sottoposto alla misura coercitiva dell’obbligo della firma, in attesa che vengano perfezionate le procedure per il rinnovo coatto della sua nuova espulsione dal territorio nazionale.

Notizie correlate