Indietro
lunedì 2 agosto 2021
menu
Uefa Europa Conference League

Andata secondo turno: Folgore-Hibernians 1-3

In foto: ©FSGC/Pruccoli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mer 21 lug 2021 15:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Qualificazioni di Uefa Europa Conference League, 2° Turno | Folgore – Hibernians 1-3

FOLGORE [4-2-3-1]: Lombardi; Brolli, Arrigoni, Piscaglia, Tamagnini (dal 73’ Bonini); Fall (dall’82’ Evangelisti),
Nucci; Spighi, Jassey (dal 63’ Golinucci), Bernardi, Fedeli (dall’82’ Garcia). A disposizione: Giorgi, Di Addario, Lisi, Gioia. Allenatore: Omar Lepri.

HIBERNIANS [3-5-2]: N. Vella; Apap, Agius, Leandro Almeida; Thaylor (dall’87’ Z. Grech), Kristensen, Sergio Raphael (dall’11’ D. Vella), J. Grech (dal 90+1’ Beerman), Attard (dal 90+1’ Zammit); Degabriele (dall’87’ Sarfo Mensah), Domoraud. A disposizione: Calleja Cremona, Koné, Cassar, Ihuomah, Uzeh. Allenatore: Stefano Sanderra.

Arbitro: Timotheos Christofi (CYP).
Assistenti: Michael Soteriou e Marios Kalogerou (CYP).
Quarto Ufficiale: Nikolas Neokleous (CYP).

Ammoniti: Kristensen, Bernardi, Apap.

Marcatori: 5’ Fedeli, 13’ Degabriele, 26’ e 83’ J. Grech.

CRONACA E COMMENTO
La Folgore esordisce in Conference League con un vantaggio lampo poi vanificato dal ritorno dell’Hibernians, capace di rimettere in piedi la partita in capo a 20’ e dimostratosi più in palla alla distanza, tanto che nel finale arriva anche il gol che permetterà ai maltesi di gestire la gara di ritorno con meno ansia. I fuochi d’artificio sono soprattutto nel primo tempo. Meno di 1’ di gioco e Attard spaventa Lombardi con un colpo di testa direttamente
su rimessa laterale: la palla lambisce il palo alla sinistra dell’estremo di casa. La Folgore impiega qualche minuto a trovare le giuste distanze in campo, mentre l’Hibernians insiste nel suo avvio aggressivo: al 5’ Kristensen esplode un mancino dal limite, potente ma troppo centrale per impensierire Lombardi, che va in presa.
Passata la sfuriata maltese, la Folgore prende campo e trova subito il gol dell’1-0: Nucci pennella dalla destra un traversone talmente preciso che bomber Fedeli, appostato nel cuore dell’area di rigore, quasi non ha bisogno di staccare. Colpo di testa vincente de bomber ex Murata e vantaggio dei padroni di casa, favorito anche da una scivolata del portiere maltese sul terreno traditore. L’iniezione di adrenalina spinge i giallorossoneri alla ricerca dell’immediato raddoppio: missione che quasi riesce a Jassey, punto terminale di un’azione travolgente avviata da Spighi sul settore destro (fuga, dribbling fra due avversari e palla a rimorchio per il compagno): il mancino di uno degli ultimi arrivati alla corte di Lepri, però, trova Nicky Vella sulla traiettoria. L’Hibernians rialza il baricentro e al 13’ rimette in parità il risultato con una meraviglia di Degabriele: controllo palla che manda fuori giri mezza difesa di casa e arcobaleno mancino dal limite, di sinistro, su cui Lombardi può solo applaudire. La palla si spegne vicina al palo lontano per il più classico dei tiri a giro. Ma la Folgore non ci sta: al 24’ con un altro cross al bacio dalla destra, stavolta di Brolli, preciso per la testa di Fall, che si muove bene in area ma si avvita male: palla alle stelle e occasionissima cestinata. Dall’altra parte l’Hibernians completa la rimonta grazie ad una girata di Jake Grech direttamente sul campanile alzato da Arrigoni: l’8 maltese forse parte al di là della linea, ma la ‘giocata’ del difensore di casa ne sana la posizione e il gol viene convalidato. Ora gli ospiti crescono in fiducia e alla mezz’ora mettono di nuovo a soqquadro la retroguardia giallorossonera con una serie di scambi veloci sulla tre-quarti. L’ultimo vede Degarbiele assecondare il taglio di Jake Grech, troppo tenero però al momento del tiro. La Folgore prova una nuova sortita orchestrando una bella azione sulla sinistra: Tamagnini va al cross per Jassey, che prova l’anticipo servendo involontariamente Fedeli, il cui tentativo di girata viene macchiato da un tocco col il braccio. Pochi minuti e l’Hibernians avvicina pericolosamente il gol del +2: Kristensen serve di giustezza Domoraud; il massiccio centravanti sguscia alle spalle di Piscaglia e mette nel mirino l’angolino alla sinistra di Lombardi, mancato di un nulla anche per il disturbo di Tamagnini. L’ultima azione di un vivacissimo primo tempo è ancora della Folgore: Bernardi pennella di destro un cross interessante per Jassey, sempre nel vivo delle azioni d’attacco ma stavolta leggermente in ritardo all’appuntamento.

Nella ripresa la Folgore parte a marce altissime: Fedeli sbatte subito sul legno ma da posizione irregolare. Tre minuti dopo, Jassey salta secco Agius e cerca subito il primo palo, mancando il bersaglio tra le proteste di Bernardi che si era ben proposto a centro area. La squadra di Lepri non stacca il piede dall’acceleratore, tornando a farsi vedere al 53’ con il colpo di testa di Fedeli, troppo debole e centrale stavolta per bucare Nicky Vella. È di fatto l’apice degli sforzi giallorossoneri. Nonostante i cambi, le energie scemano velocemente, mentre l’Hibernians sale in cattedra con gli stessi effettivi del primo tempo, dato che il tecnico italiano Sanderra decide di non ricorrere alla panchina fino agli ultimi minuti di gara, un po’ come aveva fatto il collega del Birkirkara nella gara di giovedì scorso contro La Fiorita. I ritmi comunque non sono paragonabili a quelli del primo tempo e per tornare a vedere un’azione degna di nota occorre attendere il 62’, quando Domoraud conclude una ripartenza veloce degli ospiti calciando in caduta: palla abbondantemente fuori dallo specchio.
Ben più clamorosa è la palla gol divorata da Kristensen al 71’: Dusan Vella penetra per vie centrali e poi cerca un tocco filtrante che Brolli, nel tentativo di sventare, trasforma in un assist al bacio per il capitano maltese, incredibilmente sciupone con tutto lo specchio di porta a disposizione. Lo stesso Kristensen prova a rifarsi due minuti dopo, quando individua Degabriele solo in area giallorossonera e lo serve con precisione. L’autore dell’1-1 sceglie di girare subito il pallone verso il secondo palo, mancato per questione di millimetri. La spia della riserva, ora drammaticamente pulsante, fa sì che la Folgore si sfilacci sempre più. L’Hibernians non sfrutta le numerose occasioni in contropiede che gli si presentano, ma all’83’ riesce a chiudere la pratica con il secondo gol di serata di Jake Grech, servito al limite dell’area da Kristensen e poi bravo a girarsi e ad incrociare il tiro nell’angolino lontano. È una botta che complica dannatamente i piani della Folgore in vista della gara di ritorno, in cui serviranno due gol in più degli avversari per portare la sfida almeno oltre i 90’ regolamentari.

FSGC | Ufficio Stampa

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Icaro Sport   
FOTO