Indietro
menu
Ultima puntata tutta salute

L'ultima estate della pandemia? La Dott.ssa Dappozzo coordinatrice USCA: cauti

In foto: USCA
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 8 giu 2021 14:38 ~ ultimo agg. 22:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa sera ultima puntata della stagione di  TUTTA SALUTE alle 20:40 su Icaro tv. Il tema è: l’ultima estate della pandemia?  Il bilancio di un anno che ricorderemo come quello post-pandemia o, quantomeno, quello in cui la pandemia abbiamo finalmente imparato a combatterla, anche grazie alla campagna vaccinale di massa. Ospite dell’ultima puntata la Dottoressa Antonella Dappozzo, Direttore del Programma Cure Primarie dell’Ausl Romagna e Responsabile USCA, e fresca di nomina di Cavaliere al merito della Repubblica, onorificenza consegnata il 2 Giugno dal Presidente della Repubblica.

La dottoressa Dappozzo, in raccordo con gli specialisti infettivologi, i medici di famiglia e la Direzione Aziendale, ha coordinato le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (le cosiddette Usca), composte da medici ed infermieri che seguono i pazienti a casa, occupandosi di tutte le fasi della malattia, dalla diagnosi mediante tamponi ed ecografia polmonare domiciliare, alla terapia e al follow up della patologia. La dott.ssa Dappozzo rappresenta idealmente ogni operatore che sul territorio si occupa della nostra salute.

Le USCA in Emilia Romagna sono uno tra i tanti fattori che hanno fatto la differenza nella gestione della fase apicale dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Hanno garantito le cure ai malati al loro domicilio e hanno contribuito a contenere il contagio.

“Bisogna ancora essere cauti – ha detto la dottoressa Dappozzo a Lucia Renati – ma certamente i numeri dei contagi sono molto migliorati. La situazione, dicevamo, è oggi molto diversa. Nonostante la diffusione delle varianti del coronavirus, che lo hanno reso più infettivo e hanno accelerato l’andamento delle curve, abbiamo dalla nostra parte strumenti molto più avanzati per la lotta al virus. In particolare il vaccino”. I virologi stimano che dopo aver toccato il punto più basso dei contagi, verso fine luglio o inizio agosto, l’Italia potrà tirare un sospiro di sollievo grazie ai numeri della campagna vaccinale.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
di Redazione