Indietro
menu
in via G.Bruno

"Benvenuti nel mio mondo". A Rimini personale di Denise Camporesi

In foto: una delle mostre
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 28 giu 2021 13:04 ~ ultimo agg. 13:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Resterà aperta fino al 1 luglio la mostra “Benvenuti nel mio mondo” della stimata pittrice riminese Denise Camporesi. Le opere dell’artista sono esposte in via Giordano Bruno 27 e la personale, che gode del patrocino della Galleria d’Arte Paleani, è aperta ogni giorno dalle 16 alle 20.

 

In mostra ci sono i dipinti dei bambini, i miei preferiti. Anime pure, candide, nel mio mondo immaginario, dove animali e paesaggi sono fantastici e meravigliosi, come in un grande paradiso immaginario – scrive l’artista – Oltre a questo anche i miei angeli e le Madonne“.

 

 

Cosi scrive Ernesto Paleani dell’arte della Camporesi

La tua arte rientra nel mondo di artisti emergenti che hanno nel cuore la sensibilità di chi dipinge che non si acquista con titoli scolastici o accademici. Tu sai bene come la penso su di questo che vale anche per gli scrittori. Hai definito il tuo mondo, magico come una porta che virtualmente ci fa entrare dentro la fessura di una tela o di una carta dipinta, facendoci partecipi diventando allo stesso tempo spettatori e personaggi dentro i dipinti. L’atmosfera di “Molecole d’Angeli” patrocinata dal Comune di Urbino ed il Circolo Cittadino Culturale di Urbino che l’altro anno ha rappresentato un percorso artistico che viene riproposto in una sala dell’attuale mostra, riecheggiando quei temi che scorrono tra quantistica, Angeli e figure celestiali che sono scaturite dalla tua fervida mente. I tuoi olii da me definiti impressionismo contemporaneo, come il murales che hai dipinto davanti la chiesa di Sant’Agostino a Rimini definendoti la “moderna Monet”, suscitano una tranquillità a chi li osserva desiderandoli nei propri spazi familiari invasi di fiori colorati immersi in un panorama di esplosione della natura che deve essere sempre salvaguardata e protetta. Su questo vorrei dare il mio contributo per far comprendere a chi ascolta quanto sia difficile per un artista far conoscere le sue opere se dietro non ci sono mecenati o cultori che li sorreggono, li incitano. Come i primi impressionisti francesi disprezzati dagli Accademici dell’arte di Francia, ma grazie alla Famiglia Durand-Ruel, antiquari e mecenati parigini in quegli anni dei primi dell’800 dilapidando i loro fondi personali comprarono circa 13.000 opere degli impressionisti facendoli girare in America per far conoscere la nuova arte che si opponeva a quella accademica e classica. È quanto avevo accennato all’inizio nel discutere su chi non ha titolo ma è bravo nell’arte perché suo ingegno naturale. A questo si aggiungono i tuoi pastelli come l’Angelo Cherubino e l’angelo che sostiene il velo di Santa Veronica dove traspare l’immagine del volto di Cristo, reminiscenza di un’arte antica dimenticata. Non dimentico tutta la serie di ritratti a pastello e sanguigna, oltre duecento, attraverso i quali sai dare vita sia nella rappresentazione dipingendo con le mani per dare chiaroscuri e velature, sia nello spirito che fai fuoriuscire dalle persone dipinte.
Finale di tutto Denise, i tuoi bambini nei tuoi olii che scherzano, giocano, saltano, sorridono felici in un mondo che tutti noi vorremmo tornare indietro quando spensierati scaturivamo tutte le nostre energie e forze che nella maturità scompaiono.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.