Indietro
menu
L'annuncio di Santi

Uni.Rimini: la Provincia torna nella partecipazione azionaria

In foto: dal sito Uni.Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 20 mag 2021 14:44 ~ ultimo agg. 14:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina il presidente della Provincia Riziero Santi ha scritto al presidente di Uni.Rimini Simone Badioli per comunicargli ufficialmente l’intenzione dell’Amministrazione provinciale di procedere all’acquisizione di una partecipazione azionaria di Uni.Rimini.  L’operazione, che mira al ritorno della Provincia nel capitale sociale della società consortile per l’Università, sarà sottoposta all’approvazione del Consiglio provinciale nella prossima seduta prevista entro la fine di maggio

Un’operazione, spiega Santi, che “ha per noi un preciso significato strategico. Se l’emergenza economia provocata dalla pandemia e quella climatica rappresentano le grandi sfide che dobbiamo affrontare a livello globale, le altrettanto enormi sfide alla società così com’è stata finora le lancia l’era digitale. In un mondo sempre più informatizzato e automatizzato il grande rischio del futuro prossimo è la perdita di posti di lavoro nell’industria, nei servizi e nel commercio, una tendenza già in atto da tempo, ma che potrebbe assumere proporzioni difficilmente gestibili nei prossimi anni. Il mondo post-covid, nella scontata revisione delle modalità di produzione e di distribuzione, potrebbe fornircene un’amara anteprima. L’unica risposta attuale e concreta che un sistema territoriale, e le sue istituzioni prima di tutti, possono e devono dare deve partire dall’assunto che l’alta scolarizzazione e curricula di eccellenza saranno per gli studenti di oggi e per i lavoratori di domani la principale garanzia di buona occupazione per evitare i rischi della marginalizzazione sociale. È molto difficile stabilire oggi quali saranno le competenze vincenti fra 20 anni e più perché il ritmo dei mutamenti che stiamo vivendo non ha paragoni con quello di altri periodi storici. Se però l’unica certezza è il cambiamento, occorre attrezzarsi a convivere con le problematiche che si accompagnano a situazioni in continuo movimento. Di certo, quello che l’Italia non può permettersi è di restare il Paese che nell’Unione Europea si colloca al penultimo posto nella classifica dei giovani laureati e con un livello d’istruzione complessivo sotto la media europea. Occorre allora comprendere senza tentennamenti che per un territorio come il nostro l’Università è una miniera d’oro in cui investire per renderla fruttifera. Dobbiamo investire energie intellettuali e risorse economiche nella società dei saperi e delle conoscenze affinché la provincia di Rimini divenga un polo di eccellenza capace di formare quei lavoratori del domani che saranno richiesti e non ignorati o espulsi dal mercato del lavoro. Il ritorno della Provincia in Uni.Rimini risponde a questa logica e dobbiamo chiederci, ragionando in chiave strategica anche con capacità immaginative, quali siano le branche di studio e quindi le facoltà che possono rendere il nostro polo universitario un punto di riferimento nel panorama nazionale e internazionale dell’alta formazione. Anche combattendo la battaglia per essere protagonisti veri delle scelte strategiche e non semplici comprimari. L’obiettivo deve essere quello di fare del nostro polo universitario un centro di studi e di ricerca da cui far sorgere una rete di conoscenze, formazione e imprenditorialità vincente nei processi di competizione globale.”

Notizie correlate