Indietro
menu
Avviare concorso di idee

Struttura via Bassi e quadrante stadio: le proposte di Ravaglioli

In foto: l'area interessata
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 17 mag 2021 12:44 ~ ultimo agg. 13:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In attesa che il centrodestra si pronunci ufficialmente sulla sua disponibilità alla candidatura a sindaco, Alessandro Ravaglioli della Lega continua a lanciare le sue proposte per la città. Concentrandosi, oggi, sull’area di via Bassi e il quadrante dello stadio.

Per la struttura di via Bassi, mai diventata Questura ed aggiudicata tramite recente asta al gruppo Conad, Ravaglioli vede improponibile una variante per le funzioni del core business del gruppo vincitore. La logica dovrebbe essere quella di un progetto di finanza mirato a proporre servizi di pubblica utilità. Ravaglioli propone anche una riqualificazione del quadrante Via Fada-Via Ugo Bassi-Via Flaminia-Via IX Febbraio 1849, in particolare per Romeo Neri e Caserma Giulio Cesare, auspicando che la città possa aprirsi a un concorso internazionale di idee per il rilancio della zona.


La recente assegnazione dell’immobile della questura al gruppo Conad da un lato è certamente un’ottima notizia visti i fondamentali finanziari e la solidità dell’operatore, d’altro canto stante la particolare procedura che ne ha regolato l’acquisizione non è minimamente pensabile ipotizzare che un soggetto privato acquisti un’area (con un fabbricato sovrastante di tali dimensioni e destinazioni d’uso) ad un’asta pubblica all’interno di una procedura fallimentare e che nel giro di pochi mesi la pubblica amministrazione approvi una variante urbanistica con l’inserimento di funzioni tipiche del core business di quel gruppo stesso. Si tratterebbe di un precedente politico pericolosissimo e di dubbia fattibilità giuridica, soggetto a potenziali ricorsi da parte del secondo classificato secondo la logica del rilancio. Nessuna maggioranza politica reggerebbe.

A mio avviso viceversa si dovrà lavorare solo ed esclusivamente secondo la logica del progetto di finanza all’interno del perimetro delle funzioni relative a servizi di pubblica utilità secondo un principio sussidiario (gestiti dal pubblico o dal privato non fa differenza) partendo dal valore di acquisto di 4 mln al quale dovrà essere aggiunto il costo di ristrutturazione stimato in 15 mln circa. Quindi un investimento con un target finanziario pari a circa 20 mln di euro collocabile facilmente sul mercato fondistico con un affitto annuo pari ad 1,5 mln e quindi una redditività pari a circa il 7,5% peraltro garantito in gran parte da enti pubblici. Vista la frammentazione in città dei vari uffici comunali e dell’amministrazione statale ritengo che sia un obbiettivo assolutamente perseguibile senza dover innescare interminabili procedure urbanistiche, politicamente insostenibili ed irte di insidie giuridiche. L’idea di una sorta di cuore pulsante dei servizi cittadini e della sicurezza è l’unica soluzione urbanistica percorribile, coerente e razionale.

Parallelamente ritengo d’obbligo cogliere tale occasione per pianificare una grande operazione di rigenerazione urbana nel quadrante Via Fada-Via Ugo Bassi-Via Flaminia-Via IX Febbraio 1849 che oltre all’area della questura interessi stadio/palazzetto e caserma Giulio Cesare. In tal senso serve un piano urbanistico speciale che affronti una volta per tutte anche il tema dello stadio Romeo Neri e della caserma Giulio Cesare, due argomenti non più rinviabili. Per lo stadio di certo la strada non può essere quella che animò il dibattito ai tempi del Rimini di Bellavista, siamo in un’altra era geologica per quanto riguarda il mercato immobiliare, quella strada oggi non è più percorribile e quindi occorre pensare ad una rigenerazione del Romeo Neri con altre formule finanziarie in quanto con le sole risorse comunali sarebbe del tutto irrealistico. Così come per la Giulio Cesare non è pensabile immaginarla se non in sintonia con le funzioni dell’area della questura.

Mi auguro che la campagna elettorale possa diventare il luogo ideale per stimolare nei prossimi mesi un sano e costruttivo dibattito politico in città per poi lanciare già nell’autunno un concorso di idee internazionale che magari attragga a Rimini le grandi firme dell’architettura, con regole ed obbiettivi fissati dalla nuova Giunta evitando così di procedere in maniera disarticolata come peraltro spesso è accaduto.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati