Indietro
menu
Si cerca candidato condiviso

Pd, niente primarie. Ma ancora manca il nome che unisce

In foto: dopo il passo indietro, chi sarà il candidato?
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 18 mag 2021 10:13 ~ ultimo agg. 17:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il rinvio di un paio di settimane fa, lunedì sera si è svolta la direzione comunale del Pd di Rimini. L’assemblea era chiamata a definire il percorso verso le amministrative: primarie tra Petitti e Sadegholvaad oppure candidato unitario. Dopo un lungo e acceso dibattito, la scelta è caduta sulla linea indicata anche dal segretario regionale Calvano e dal presidente della Regione Bonaccini: niente primarie e passo indietro dei due attuali contendenti. Al momento in realtà dovrebbe essere più un passo “di lato” che si concretizzerà poi nel momento in cui ci sarà effettivamente il nuovo nome. Nel corso dell’incontro non è stata proposta la candidatura dell’avvocato Moreno Maresi, avanzata la scorsa settimana proprio da Calvano. Si è invece deciso di proseguire nella ricerca del nome giusto capace di mettere d’accordo sia il Pd che la coalizione. Il nome però ancora non c’è e la palla passa ora ai segretari regionale, provinciale (Filippo Sacchetti) e comunale (Alberto Vanni Lazzari). Sarà convocato un incontro con tutta la coalizione nel quale sarà prospettato l’attuale scenario. L’obiettivo è quello di arrivare ad una quadratura entro una decina di giorni. “Oggi la figura terza deve avere un alto profilo perché (lo dico da segretario) ritengo che il Pd abbia due buoni candidati da spendere e serve quindi una persona che sia in grado di allargare la coalizione. Non una foglia di fico” dice il segretario provinciale Sacchetti. Da valutare poi la posizione del MoVimento 5 Stelle che resta alla finestra.

 

Notizie correlate