Indietro
menu
Polizze troppo care

Federconsumatori: bene istruttoria Garante Concorrenza su polizze RC

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 22 mag 2021 10:58 ~ ultimo agg. 11:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha avviato una istruttoria sui comparatori di prezzo nel settore assicurativo per sospetta intesa restrittiva della concorrenza sulle polizze rc auto. Lo ricorda Federconsumatori Rimini che sottolinea le ricadute sui cittadini della vicenda.

Sotto esame il comportamento dal 2012 delle società 6Sicuro S.p.A., CercAssicurazioni.it S.r.l. (“Segugio”), Daina Finance Ltd, Rappresentanza Generale per l’Italia (“ComparaMeglio”), Facile.it Broker di Assicurazioni S.p.A., Allianz Direct S.p.A., Admiral Intermediary Services S.A., B2C Innovation S.p.A., Bene Assicurazioni S.p.A., Compagnia Assicuratrice Linear S.p.A., Compagnia Italiana di Previdenza, Assicurazioni e Riassicurazioni S.p.A., FIT S.r.l. Società Benefit, Genertel S.p.A., HDI Assicurazioni S.p.A., Prima Assicurazioni S.p.A., Quixa Assicurazioni S.p.A., Verti Assicurazioni S.p.A. e Zurich Insurance Public Limited Company – Rappresentanza Generale per l’Italia. Il sospetto, spiega Federconsumatori, è che si siano “scambiate regolarmente informazioni sensibili sulle condizioni di vendita delle polizze rc auto con l’obiettivo di condizionarne il prezzo, restringendo, o meglio di fatto annullando, la concorrenza nel settore”.

“Attraverso questo sistema hanno fatto crescere, in assenza di reali condizioni scatenanti, il prezzo delle polizze, che come denunciamo da sempre non solo sono le più care d’Europa, ma continuano a crescere in maniera spropositata anche in presenza di un tasso di incidentalità in forte diminuzione.

Basti pensare che nel 2020, secondo le stime Istat, si è registrata una riduzione mai vista del numero di incidenti stradali con lesioni a persone, pari a -29,5% rispetto al 2019. Nonostante ciò, secondo i dati dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, i costi delle polizze rc auto non smettono la loro corsa al rialzo, segnando un incremento tra il +4% ed il 12%. È evidente il tentativo di condizionare i prezzi delle polizze al solo fine speculativo, discostandosi completamente da ogni parametro e indicatore reale in grado di determinarne l’andamento. Questo, come rivela l’Antitrust, avviene da anni ed è ora di darci un taglio. Per questo apprezziamo l’iniziativa dell’AGCM e chiediamo un intervento legislativo che dia maggiore rilevanza alla premialità dei comportamenti corretti degli automobilisti, finalizzato alla riduzione delle tariffe”.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.