Indietro
menu
fino ad elezioni

Confronto tra sindaco e capigruppo maggioranza. Dovere morale proseguire lavoro

In foto: una seduta (Newsrimini.it)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 6 mag 2021 21:14 ~ ultimo agg. 7 mag 08:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le primarie, ormai quasi inevitabili, avvelenano il clima in Comune. Il confronto, come richiesto dai capigruppo della maggioranza per verificare la tenuta della stessa in consiglio comunale, c’è stato e dal sindaco Andrea Gnassi è arrivato un messaggio netto ai consiglieri. Il primo cittadino ha fatto chiaramente capire che se qualcuno blocca il lavoro che resta da fare lui denuncerà la cosa e si dimetterà. Le elezioni sono state spostate in autunno e la macchina amministrativa, senza indugi, deve andare avanti fino ad ottobre. Dal Programma Nazionale Risorse arriveranno ad agosto 500 milioni e sarebbe un gravissimo problema, anche in vista delle elezioni stesse, se le lotte intestine al partito impedissero di avere accesso a questi importanti risorse. E’ necessario, in sostanza, che il lavoro prosegua, senza ostacoli. Nel corso dell’incontro, dal clima molto teso, i consiglieri che sostengono Emma Petitti avrebbero anche chiesto la riconsegna al sindaco delle deleghe dell’assessore Jamil Sadegholvaad.

 

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
di Redazione