Indietro
menu
fine lavori: metà giugno

Porta Galliana. Nuovi ritrovamenti e cantiere allargato per cordoli

In foto: un rendering
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 13 apr 2021 14:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Sono entrati nella fase finale i lavori di valorizzazione dell’antica Porta Galliana, il monumento che in epoca malatestiana regolava l’accesso da mare al cuore di Rimini. In questi ultimi giorni si è reso necessario un ampliamento temporaneo del cantiere per consentire la realizzazione della nuova cordolatura stradale delle due future piazze – “Piazza Belvedere” intramuros e “Piazza Porta Galliana” sull’area dell’antico borgo marina.
Le ulteriori verifiche archeologiche – volute dalla Soprintendenza Archeologica di Ravenna – hanno fatte emergere altre opere murarie sotterranee storiche rinvenute con le indagini integrative. I ritrovamenti di creste murarie antiche (tardo 1500 e 1600), lacerti pavimentali (1300/1400), ed anche ulteriori porzioni di pavimentazioni relative al “Lavatoio di San Domenico”, hanno richiesto la variazione di alcune parti strutturali e architettoniche dell’opera, incidendo sulla tempistica e modalità dei lavori e su alcuni dettagli progettuali.
Nel mese di marzo si sono completate le opere di fondazione e gli elementi delle piazzette, pianerottoli e rampe, necessarie per la realizzazione dei percorsi inclinati accessibili al piano medievale della porta. È stata realizzata anche una vasca d’acqua (a sfioro perimetrale) che riproporrà l’antico fossato d’acqua esistente sull’esterno di questo tratto di mura cittadine, esattamente sul sedime originario (epoca presunta tardo 1400/1500).
Il recente allargamento del cantiere – per il quale si è spostato il percorso pedonale sul lato opposto della Via Savonarola e tratto di Via Bastioni Settentrionali – consentirà anche di realizzare l’articolata rete di sottoservizi (illuminazione pubblica, fibre, allacci di forniture elettriche ed idriche) e la messa a dimora delle nuove alberature previste per la sistemazione dell’area di intervento. Per procedere poi alle pavimentazioni definitive nella prima settimana di maggio, per poter realizzare la fase conclusiva dei lavori e la parte delle pavimentazioni previste sul muro medioevale “federiciano”. La conclusione definitiva dei lavori è prevista per la prima metà del mese di giugno.
Si tratta di un’opera importante – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – che oltre alla valorizzazione del patrimonio artistico, si inserisce nel processo di rigenerazione delle infrastrutture culturali, nonché di quelle legate alla mobilità attiva. Il recupero dell’antica porta di accesso al mare della città murata consentirà infatti di realizzare connessioni ciclopedonali legandosi agli interventi dell’Anello verde, le piste ciclabili che portano al Faro di Rimini,  a San Giuliano a Mare, congiungersi con l’Anello delle Piazze, il Ponte di Tiberio e tutta l’area della Piazza sull’Acqua e del Porto Antico. Un monumento che è stato per lungo tempo sepolto ma tanto importante da essere stato raffigurato addirittura nella formella del Cancro della Cappella dei Pianeti del Tempio malatestiano, la più antica immagine della città giunta fino a noi.”
Notizie correlate