Indietro
giovedì 17 giugno 2021
menu
Polisportiva Riccione

Per Marco Facchini tris di medaglie al Camp. Italiano Master Indoor di Tuffi FIN

In foto: La premiazione di Marco Facchini, argento nella piattaforma M35-44
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 26 mar 2021 09:43 ~ ultimo agg. 09:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tris di medaglie per Marco Facchini al Campionato Italiano Master Indoor di Tuffi FIN andato in scena nel fine settimana nelle storiche piscine del Foro Italico di Roma. L’atleta Master della sezione Tuffi Polisportiva Riccione ha tenuto alto il nome della società conquistando un oro, un argento e un bronzo nella categoria 35-44 anni.

La medaglia d’oro arriva per Marco nella gara del trampolino da 3 metri, con il punteggio di 216.15 che lascia indietro il romano Dario Maglio della Dibiasi Tuffi (argento con 212,30 pt) e Ruiz Boncore (Nuotatori Genovesi) che conquista il bronzo fermandosi a 183.40 punti.

Nella seconda giornata si invertono i posti del podio nella gara dalla piattaforma, con Marco Facchini che porta la Polisportiva Riccione sul secondo gradino del podio grazie al punteggio di 144,50, che lascia però strada all’oro di Dario Maglio (Dibiasi – 173,20). Bronzo a Ruiz Boncore della Nuotatori Genovesi (124,00 punti).

Il tris di medaglie per il riccionese arriva nella gara del trampolino da un metro, dove Marco Facchini si mette al collo la medaglia di bronzo con il punteggio di 175,05, preceduto da Francesco Antodicola (MR Sport – oro con 257,40 punti) e Dario Maglio (Dibiasi – argento con 203,50 punti).

“È stata un’occasione importante per tornare ad assaggiare il profumo delle gare – racconta Marco Facchinivisto che noi Master non avevamo ancora avuto la possibilità di gareggiare da febbraio dello scorso anno, subito prima del lockdown. Devo ammettere che è stata una gara strana, se vogliamo anche un po’ triste, con l’attesa del proprio turno fuori dalla piscina e nessuna possibilità di provare i tuffi prima della gara. Pazienza, l’importante era ripartire e lo abbiamo fatto. In attesa di tempi migliori mi prendo queste medaglie, frutto di cose buone che nemmeno pensavo di riuscire a fare, ma anche di errori su cui mi impegnerò a lavorare per migliorare”.