Indietro
menu
domenica 28 marzo

Giornata mondiale dell'endometriosi. Rimini centro di riferimento in Romagna

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 27 mar 2021 17:55 ~ ultimo agg. 19:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’endometriosi è una patologia che interessa il 10-15% delle donne in età riproduttiva, rappresentando la prima causa di dolore pelvico cronico e diventando, in una paziente su tre, responsabile di serie ripercussioni sulla fertilità.

Da diversi anni le pazienti affette da questo disturbo trovano ascolto presso l’Unità operativa di Ginecologia dell’Ospedale Infermi di Rimini, ma dal 2019 il Centro ha tagliato un importante traguardo divenendo Centro di riferimento di II livello per l’Area Ausl Romagna, nella cura e nella assistenza di questa malattia.

La regione Emilia Romagna ha infatti creato un piano diagnostico terapeutico che coinvolge tutti gli ospedali della regione. A Rimini questo ha permesso lo sviluppo di un vero e proprio percorso assistenziale, costituito da un ambulatorio dedicato, da ginecologi esperti nella diagnosi della patologia endometriosica sia superficiale sia profonda e da ginecologi esperti nel trattamento chirurgico di questa complessa malattia.

“Essendo domenica 28 marzo la giornata mondiale dedicata all’endometriosi ci sembra doveroso ricordare l’impatto epidemiologico di questa malattia, che colpisce nel mondo 11 milioni di donne, con una fascia di età maggiormente interessata tra le trentenni e le quarantenni – afferma il dottor Marco Balducci, Referente Centro Endometriosi, UO Ginecologia Ostetricia, Ospedale di Rimini – Anche in epoca adolescenziale sintomi lievi e sfumati, ma cronici ed invalidanti possono portare alla loro accettazione o a mancati accertamenti specialistici, ritardando la diagnosi anche di anni dall’esordio dei primi sintomi.

Diventa quindi fondamentale un centro di riferimento dove indirizzare anche le pazienti più giovani, per contrastare il ritardo diagnostico, che può portare a conseguenze importanti sulla progressione della patologia con un impatto negativo anche sulla sfera psicologica delle pazienti.

Pertanto, Il nostro Centro di endometriosi favorisce la presa in carico precoce della paziente, ponendo al primo posto la donna e creando per lei un percorso ad hoc. Ogni paziente viene valutata attentamente in base agli aspetti clinici, ai sintomi, personalizzando il più possibile la terapia medica e antalgica e non tralasciando mai l’eventuale desiderio di maternità.

Grazie alla formazione di un team dedicato costituito da specialisti anche di altre branche (radiologi, chirurghi generali, urologi) il nostro centro si avvale di una gestione “multidisciplinare” dei casi, specialmente i più complessi, garantendo una qualità delle cure, una formazione continua e una crescita professionale”.

 

Notizie correlate