Indietro
menu
lettera a Bonaccini

Commercianti del centro storico: fateci aprire nei feriali o su appuntamento

In foto: in centro storico
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 29 mar 2021 14:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ci sentiamo discriminati e stiamo facendo sacrifici che non siamo più in grado di affrontare“. E’ una lettera con un appello accorato alla riapertura quella che i negozianti del centro storico di Rimini hanno affidato al presidente della Confcommercio Gianni Indino perché la faccia arrivare al presidente della Regione Stefano Bonaccini. “Non chiediamo – scrivono Patrizia Mainardi e Katia Damianimaggiori sostegni, chiediamo di poter lavorare come sappiamo fare, con tutte le precauzioni di sicurezza che abbiamo adottato e che sappiamo utilizzare. Di soluzioni per garantire anche a noi di lavorare, volendo ce ne sarebbero e cogliamo questa occasione per proporle alle istituzioni, come la possibilità di aprire i negozi su appuntamento, oppure solamente durante i giorni feriali.

Nella lettera emerge il forte disagio per un anno trascorso senza lavoro e senza prospettive per il futuro di interi comparti economici, ritenuti “non essenziali”, dai bar ai ristoranti, dai negozi di abbigliamento e calzature, fino a gioiellerie e arredamenti. Un grido di protesta e una richiesta di aiuto, accompagnati da proposte concrete per una veloce riapertura in sicurezza.

“Siamo tanti ma racchiusi in pochissime categorie e ci sentiamo fortemente discriminati da questa ennesima imposizione di chiusura per i nostri negozi. Dopo un anno di limitazioni non abbiamo più la forza, economica ma soprattutto morale, di andare avanti: ci sentiamo presi in giro da leggi che richiedono sacrifici solamente a pochissime categorie. Tutto in città prosegue come se niente fosse sotto ai nostri occhi, mentre noi siamo obbligati a tenere le serrande abbassate e a fare sacrifici che non siamo più in grado di affrontare. Le persone bussano ai vetri dei nostri negozi e ciò significa che hanno bisogno, ma noi non possiamo vendere. Così non si può continuare. Questa totale incertezza porta solo sfiducia e rischio di anarchia”.

Il nostro ruolo di associazione, di rappresentanza tra imprese e istituzioni, ci impone di trovare soluzioni, di accompagnare le aziende nella crescita, di stare al loro fianco nelle difficoltà, di tranquillizzarle – spiega Gianni Indino, presidente di Confcommercio della provincia di Rimini – ma più passano i mesi, più questo compito diventa complicato davanti ad una realtà che vede le nostre imprese fortemente discriminate dai provvedimenti restrittivi che paiono ormai valere solo per loro. Bar, ristoranti, negozi al dettaglio non alimentare sono allo stremo e ce lo dicono ogni giorno. Questa volta l’ appello degli esercenti del centro storico di Rimini ci arriva per iscritto e ce ne facciamo portavoce con il presidente della Regione Emilia Romagna al quale si appellano, aggiungendo anche la nostra sollecitazione che va ad aggiungersi alle numerosissime interlocuzioni avviate con i massimi vertici regionali da ormai più di un anno. Intorno a noi tutto va avanti, lo vediamo ogni giorno. Essere gli unici demonizzati, vilipesi, presi a capro espiatorio non fa che acuire differenze e strappi economico-sociali. Perché l’abbigliamento o le calzature sono più rischiose del trasporto pubblico? Non c’è risposta. Qui si propongono soluzioni e confidiamo che vengano accolte: sul nostro territorio sono a rischio centinaia di imprese. Chiediamo né più e né meno quello che è concesso agli altri: lavorare seguendo protocolli, distanziamenti e sicurezza. Ora circolano voci di una possibile uscita dalla zona rossa solo a fine aprile. Non è accettabile e continueremo a protestare finché non si adotteranno soluzioni di buonsenso. Una protesta non chiassosa, ma ferma e costruttiva. Chiediamo al presidente Bonaccini, che ringraziamo per l’attenzione e l’aiuto alle imprese che ha dimostrato finora, di farsene portavoce presso il governo. Prima che sia troppo tardi”.