Indietro
menu
A margine del Sole 24 Ore

Tasso di attrattività a Rimini in attivo anche nell'anno del Covid

In foto: piazzale Cesare Battisti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 15 feb 2021 15:39 ~ ultimo agg. 15:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’inchiesta del “Sole 24 ore”, pubblicata oggi infatti, che traccia uno spaccato dell’Italia dei trasferimenti fra centro e periferia sottolineando come che il virus abbia fatto calare l’interesse per il gli spostamenti nelle grandi città. Un fenomeno che a Rimini non è accaduto in quanto, visto il debole ma positivo saldo migratorio con un aumento del 0,51% rispetto al 2019. In esame viene presa la differenza fra le iscrizioni e le cancellazioni anagrafiche.

Sono 15 le città metropolitane prese in esame nella ricerca del quotidiano economico-finanziario che riporta l’andamento dei residenti registrati in anagrafe negli ultimi 5 anni da cui emerge come 13 di queste città portino un segno negativo sui trasferimenti di residenza. Risultato statistico che si raggiunge al netto dei fenomeni naturali (nascite e decessi) e che mette in luce i segni di una crisi le cui origini sono da imputare anche all’emergenza sanitaria.

Il trend negativo però non si riflette nelle città con vocazione turistica, probabilmente per una maggiore offerta di servizi e una migliore qualità della vita. Rimini non è fra le città prese in esame dal Sole 24 Ore ma l’Amministrazione Comunale sottolinea come Rimini, come risulta dai dati dell’ufficio statistica, è fra le località che continuano a confermare il segno positivo davanti al tasso di attrattività.

L’indice di attrattività residenziale o anche tasso di attrattività che indica la differenza tra le iscrizioni e le cancellazioni anagrafiche, nel periodo dicembre 2019 – dicembre 2020 è cresciuto del 0,51%. Una percentuale che si riferisce esclusivamente ai nuovi residenti e non tiene conto del saldo negativo sull’andamento natalità / decessi del 2020 che, anche a Rimini, (con 1022 nascite e 1951 decessi) nell’anno appena trascorso ha raggiunto il suo picco massimo a causa degli eventi luttuosi dovuti alla pandemia.

Il 2020 ha segnato un saldo migratorio di 774 cittadini in più rispetto al 2019 che ne aveva registrati 703 rispetto all’anno recedente. Una crescita che – ad esclusione del 2020 – risulta comunque sempre positiva negli ultimi 5 anni, anche se si includono i dati derivati dall’andamento natalità / decessi, che come noto è negativo da oltre 10 anni. Questa variazione percentuale generale dei residenti registrati in anagrafe negli ultimi 5 anni infatti è cresciuta di 0,84% nel 2016; 0,33 nel 2017; 0,79 nel 2018; 0,11% nel 2019 e risulta invece negativa nel 2020 con un valore di -0,07%.

“Una crescita, anche se leggera, nell’indice di attrattività – dichiara Anna Montini Assessore alla statistica – nonostante l’anno difficilissimo che ha attraversato la nostra città è un segnale positivo che testimonia come Rimini risulta una località di grande interesse regionale e nazionale e non solo per le motivazioni turistiche ma per l’offerta dei servizi e della qualità della vita che è in grado di offrire ai suoi residenti”

Notizie correlate
di Redazione