Indietro
menu
L'appello del gruppo politico

E-R Coraggiosa: ristori turismo solo a chi rispetta lavoratori

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 17 gen 2021 14:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il turismo sta soffrendo in modo molto pesante ma si utilizzi questo momento per sostenere gli operatori del settore che hanno avuto negli anni passati un comportamento etico nei confronti dei loro dipendenti. A chiederlo è  Emilia-Coraggiosa Rimini.

“Sappiamo benissimo che Rimini ha in questo settore, e in tutto il suo indotto, il principale motore economico, ma al contempo qualcuno ha impoverito e precarizzato ancora più del normale lavoratrici e lavoratori che quel settore portano avanti; lavoratrici e lavoratori spesso sfruttati e sottopagati che con la crisi dettata dalla pandemia si sono ritrovati esclusi (ancora una volta) dai primi ristori messi in moto dal governo”.

Pensiamo che debba essere centrale, per evitare che tutto rimanga come prima, per evitare che il domani sia uguale a quanto succedeva ieri, che i ristori in questo ambito siano vincolati al “comportamento” tenuto negli anni passati dalle strutture, al loro reale rispetto nell’applicazione dei contratti collettivi, alle condizioni con le quali hanno tenuto in regola (se lo hanno fatto) quelle migliaia di lavoratrici e lavoratori poveri che si sono ritrovati senza nessuna tutela, sia mentre lavoravano, sia in questa situazione“.