Indietro
menu
Nuova scuola per il 2021/22

Rifacimento scuole Ferrari, al via la demolizione dell'edificio

In foto: la demolizione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 16 dic 2020 13:15 ~ ultimo agg. 18:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
È iniziata questa mattina la demolizione della scuola “Ferrari”, che sarà subito ricostruita per consentire – nell’anno scolastico 2021/22 – il regolare avvio di tutte le attività previste.
Il vecchio edificio, da oggi in demolizione, ospitava 161 alunni, suddivisi in 9 classi della primaria, e 50 bambini, della scuola dell’infanzia. Studenti che, per l’anno scolastico in corso, stanno svolgendo temporaneamente le loro attività scolastiche nelle vicine scuole primarie Lambruschini e nelle vecchie “Montessori” di via Marecchiese.

L’intero progetto – demolizione e ricostruzione – avrà un costo complessivo di 4.900.000 euro, cofinanziato per 900.000 del Ministero dell’Istruzione. I lavori sono stati affidati al Consorzio AR. CO. Lavori S.C.C.  di Ravenna e le imprese esecutrici consorziate sono la “Arco Costruzioni Generali s.p.a.” e la  “ECIS GLOBAL srl” di Ravenna.

Per consentire il profondo rinnovamento del fabbricato della Scuola Primaria “Ferrari” e della Scuola dell’Infanzia “Gambalunga”, previsto nel piano degli interventi strutturali per la sicurezza degli edifici scolastici, l’attuale edificio sarà completamente demolito e ricostruito con tecniche e soluzioni e materiali performanti. 
Diverse le innovazioni dal punto di vista energetico e di riduzione dell’impatto ambientale, con notevole riduzione dei costi di esercizio.
Sarà il primo edificio scolastico del comune di Rimini ad installare un innovativo e particolare sistema, posto alla base, in grado di consentire un’ampia deformabilità alla sovrastruttura, e isolarla dagli effetti di un terremoto.
Il progetto prevede anche la nuova palestra ed il nuovo “civic center”: gli appositi spazi ad ampia valenza sociale, ideati in collaborazione con il centro per l’educazione ai media “Zaffiria”, per scopi educativi, culturali e formativi.
Il progetto si sviluppa strutturalmente su due corpi di fabbrica: uno per la scuola, su tre piani, che ospiterà le due sezioni dell’infanzia e i due cicli di primaria, e l’altro per la palestra, sviluppato su due livelli per ospitare al piano primo i locali per il civic center. Previsto anche un roof garden sopra il tetto della palestra, pensato come uno spazio multifunzionale e flessibile, che, durante l’orario scolastico, potrà essere utilizzato come un’estensione all’esterno delle attività didattico-educative e laboratoriali legate alla scuola; in orario extrascolastico invece sarà usato come uno spazio pubblico al servizio della comunità.
Oltre alla sistemazione esterna dell’area verde – e considerando l’ubicazione urbana fortemente antropizzata della scuola – è previsto l’inserimento di sistemi di pareti verdi in facciata che seguiranno la geometria verticale dell’edificio, con una vegetazione che verso l’alto.