Indietro
menu
Novità anche su Triangolone

Parco del mare. A gennaio i lavori per terminare i primi tratti e le nuove gare

In foto: il Parco del Mare
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 11 dic 2020 13:39 ~ ultimo agg. 12 dic 10:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una interrogazione del consigliere di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi ha permesso all’assessore ai lavori pubblici di Rimini, Jamil Sadegholvaad, di fare il punto sui lavori per il Parco del Mare.

Per quanto riguarda i tratti 1 (da via Beccadelli a piazzale Kennedy) e 8 (lungomare Spadazzi), già aperti nell’area più a mare nel corso dell’estate, si sono concluse le gare l’intervento anche sulla parte a monte. Dopo le necessarie verifiche dei requisiti, scatterà l’aggiudicazione alle ditte e i cantieri si apriranno a gennaio 2021. I nuovi lavori permetteranno di realizzare una pavimentazioni in gres, aree verdi, giochi d’acqua e giochi per bambini nelle zone più vicine alle strutture alberghiere. I cantieri dovrebbero chiudere per maggio, in tempo per la stagione estiva.

Sono invece in fase di completamento i progetti esecutivi per i tratti 2 e 3 che vanno, rispettivamente, da piazzale Kennedy a piazza Marvelli e da quest’ultima a piazzale Benedetto Croce. L’intenzione dell’amministrazione è effettuare le gare di aggiudicazione ad inizio 2021 per poi procedere all’apertura dei cantieri. “Cercheremo – ha spiegato l’assessore – di impattare il meno possibile sulle attività dell’area.”

Un aggiornamento anche sulla zona del cosiddetto Triangolone in prossimità del porto canale. “Qualche settimana fa – ha detto Sadegholvaad – c’è stato un incontro con i concessionari dell’area che hanno manifestato la volontà di presentare un project financing per la riqualificazione dei manufatti (compresi gli esercizi) che insistono sull’area e della strada.

Non soddisfatto però il consigliere Renzi che lamenta il ritardo dell’amministrazione. “Le gare per i tratti 2 e 3 andavano fatte in estate per partire subito con i lavori dopo la stagione. Così si rischia di avere i cantieri aperti nel pieno della prossima estate.” ha detto.

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi