Indietro
menu
aveva 84 anni

Il cordoglio dell'ordine e dell'amministrazione per la scomparsa dell'avv. Zavoli

In foto: dal profilo facebook
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 29 dic 2020 17:07 ~ ultimo agg. 17:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ scomparso a 84 anni l’avvocato Antonio Zavoli. Era ricoverato all’ospedale Infermi di Rimini da poco prima di Natale, a causa dell’aggravarsi delle condizioni dopo il contagio da covid. Decano del foro riminese era ancora attivo, e solo poche settimane fa aveva discusso una causa in tribunale. L’ordine degli avvocati nel 2011 l’aveva insignito della “Toga d’oro”. Era un uomo di grande cultura, un intellettuale vivace, che spesso ha fatto sentire la sua voce nella vita sociale e politica della città di Rimini, dove era arrivato ancora bambino nel periodo post bellico. Era stato consigliere comunale negli anni 79-80 e assessore tra il 1985 e il 1989.

Oggi in tanti hanno espresso cordoglio per la perdita.

L’Ordine degli Avvocati di Rimini – scrive il presidente Roberto Brancaleoniha appreso con grande dispiacere la notizia della morte dell’Avv. Antonio Zavoli, insignito della “Toga d’Oro” da questo Ordine nell’anno 2011. Ne ricordiamo la straordinaria preparazione professionale e culturale, associata al grande impegno ed all’autentica passione che sempre dedicava alle cause che patrocinava. Con la sua morte scompare un indiscusso protagonista della storia del nostro Foro che rimarrà però vivo nel ricordo dei Colleghi e costituirà per le nuove generazioni un chiaro esempio della figura dell’Avvocato”.

A nome mio personale e dell’intera Giunta comunale di Rimini – scrive il sindaco Andrea Gnassiesprimo le più sentite condoglianze per la scomparsa di Antonio Zavoli. Ex amministratore del Comune di Rimini, con Zavoli la nostra città perde un intellettuale sopraffino, un appassionato e stimato avvocato e una persona perbene. Un abbraccio giunga a tutta la famiglia”.