Indietro
menu
Un'opera travagliata

Sottopasso Portofino, apertura prevista in primavera

In foto: la viabilità lato monte
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 16 nov 2020 15:07 ~ ultimo agg. 17 nov 12:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Si concluderanno in questi giorni i lavori del progetto – lato monte – del sottopasso di via Portofino, opera che prevede la realizzazione del collegamento stradale tra il sottopasso esistente sulla ferrovia Bologna-Ancona con la Via Portofino, a Marebello. L’intervento complessivo prevede, oltre alla realizzazione della viabilità lato monte a carico del privato attuatore del piano particolareggiato in via di esecuzione, anche la realizzazione del collegamento lato mare, a carico dell’amministrazione comunale, che avverrà attraverso la rifunzionalizzazione dell’attuale sede stradale di Via Portofino e la riorganizzazione dei flussi veicolari sul Viale Regina Margherita. L’immissione di via Portofino su viale Regina Margherita è prevista con una intersezione che garantirà la continuità dei flussi su via Regina Margherita in entrambe le direzioni, prevedendo una immissione con svolta a destra da chi si immette da via Portofino.
L’intervento a carico dell’amministrazione comunale ha un costo totale di 307mila euro e prevede anche la realizzazione di una piazzola di sosta per i mezzi di Hera sul lato sud,  10 stalli per auto e 2 stalli per motocicli, oltre ad una banchina pedonale in grado di consentire il transito dei pedoni in sicurezza, così come l’accesso pedonale alle strutture ricettive esistenti. E’ attualmente in corso la gara d’appalto e si prevede che i lavori possono iniziare a Gennaio 2021 in modo da poter rendere fruibile il sottopasso e il nuovo collegamento per la primavera.
Il progetto del sottopasso di via Portofino,  sottolinea l’Assessore alla Mobilità  Roberta Frisoniè un’opera che la città attende da tempo, il cui completamento, dopo la realizzazione del sottopasso effettuato da Rete Ferroviaria Italiana nell’ambito della realizzazione del TRC, era legata all’attuazione di due interventi urbanistici fermi al palo da anni a causa delle difficoltà del comparto edilizio, che ha visto anche il fallimento della società che avrebbe dovuto sviluppare il compendio della Colonia Murri. Finalmente, grazie anche ad alcune modifiche apportate dall’amministrazione comunale al progetto originario per consentirne una pronta attuazione, nel 2021 l’opera potrà essere fruibile, migliorando l’accessibilità e la fruibilità non solo di Marebello, ma dell’intero lungomare sud. E’ una notizia che sono certa sarà colta con favore dai tanti cittadini che aspettano da tempo l’attuazione di questo intervento.’’
Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Simona Mulazzani
di Redazione
Notizie correlate
interventi difesa balneazione

San Giuliano mare: via la scogliera

di Lucia Renati   
di Redazione