Indietro
menu
arrestato dalla polizia

Lite furibonda in hotel, insegue e picchia la giovane fidanzata

In foto: due Volanti di pattuglia
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 30 nov 2020 13:43 ~ ultimo agg. 1 dic 11:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lite furibonda ieri sera in un hotel di viale Bari a Miramare, dove un 43enne originario di Cagliari si è avventato contro la giovane fidanzata, una 25enne ucraina, con strattoni e schiaffi. La discussione tra i due, nata per futili motivi, forse di gelosia, era iniziata in stanza ed è proseguita nella hall dell’albergo. La giovane, infatti, davanti alle manieri forti del fidanzato, è corsa via ma è stata raggiunta dall’uomo, che l’ha spintonata a terra facendole sbattere il volto contro un bidone.

Il proprietario dell’hotel, spaventato dall’aggressività dell’uomo e preoccupato che la lite potesse degenerare, ha richiesto l’intervento della polizia. Quando una pattuglia è entrata nell’albergo, il 43enne ha impugnato un guinzaglio a catena che ha iniziato a far roteare verso il volto insanguinato della fidanzata, minacciando di colpirla. Gli agenti della questura, in maniera decisa, l’hanno convinto a posarlo e invitato a seguirli all’esterno dell’albergo.

La situazione sembrava sotto controllo, invece, il cagliaritano all’improvviso ha aggredito il proprietario dell’hotel. Con estrema fatica i poliziotti hanno bloccato e condotto a forza fuori dalla struttura l’esagitato. Dopo una breve colluttazione, con gli agenti raggiunti da calci e pugni, l’uomo è stata immobilizzato e condotto in questura. Seppur già in altre occasioni si fosse reso violento nei confronti della fidanzata, lei non lo aveva mai denunciato.

Dagli accertamenti di rito sono risultate a carico del 43enne precedenti condanne per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ricettazione, furto e rapina, oltre a varie denunce per reati contro il patrimonio e in materia di armi. L’uomo ora verrà processato per direttissima.