Indietro
menu
l'annuncio

Il vaccino AstraZeneca è efficace. Il riminese Gorini: "Un onore far parte dell'impresa"

In foto: il riminese Gorini con il premier Johnson
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 23 nov 2020 13:13 ~ ultimo agg. 24 nov 10:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Il vaccino AstraZeneca contro il Covid-19, sviluppato dall’Università di Oxford e dall’Irbm di Pomezia Oxford-Astra-Zeneca è “altamente efficace”. I ricercatori hanno spiegato che il vaccino funziona in media con una protezione del 70%, inferiore quindi al 90% annunciato da Pfizer e Moderna, ma a seconda dei dosaggi la protezione può variare fino a una copertura del 90%. Inoltre questo vaccino è più economico e più facile da conservare rispetto agli altri due.

L’immunologo riminese, Giacomo Gorini, che ha fatto parte al team di ricercatori del Jenner Institute di Oxford che hanno messo a punto il vaccino, affida le sue emozioni a Facebook. Con un post pubblicato sul suo profilo, annuncia: “Oggi finalmente scrivo quello che tanto durante quest’anno speravo che avrei scritto. I sacrifici dei miei colleghi hanno dato frutto e il vaccino di Oxford-AstraZeneca ha dimostrato efficacia. Avere dato un contributo ed essere stato presente in questa impresa è un onore indescrivibile. Dopo un anno lontano da casa, in solitudine e con solo questo progetto a scandire il tempo, sono sopraffatto dalla notizia ed è difficile per me descrivere come mi sento. Un sentimento però ho molto forte dentro di me: il rispetto e l’ammirazione per il team di colleghi e senior scientists che hanno lavorato incessantemente durante quest’anno per tirarci fuori da questa brutta situazione”.

Nella sperimentazione sono stati coinvolti più di 20 mila volontari, metà nel Regno Unito, il resto in Brasile. Ai volontari che sono state somministrate due dosi intere la protezione è stata del 62%, mentre una mezza dose, seguita da una dose intera, ha portato a una protezione del 90%. L’analisi combinata di entrambi i dosaggi ha portato a un’efficacia media del 70%. Lo stesso Gorini spiega: “Credo proprio che si utilizzerà il regime che ha garantito il 90%: mezza dose iniziale, e dose intera un mese dopo”. Non sono stati individuate controindicazioni gravi legate al vaccino e il siero è stato ben tollerato in entrambi i regimi di dosaggio anche dalla popolazione anziana.

Il vaccino di AstraZeneca può essere conservato in frigo (2-8 gradi) per almeno sei mesi e somministrato all’interno delle strutture sanitarie esistenti. Altro vantaggio riguarda il costo: 2,80 euro (compreso il richiamo) contro i 16-20 euro a dose dei vaccini americani. Pronte tre miliardi di dosi entro il 2021.