Indietro
menu
Preoccupati per sicurezza

Gioiellerie a rischio. L'allarme delle categorie dopo i fatti in centro

In foto: Adriapress
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 6 nov 2020 15:07 ~ ultimo agg. 15:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La rapina in gioielleria di giovedì pomeriggio, che segue di poche ore il furto notturno ai danni di un’altra gioielleria del centro, sono un segnale di allarme che va preso in seria considerazione. Lo affermano Onelio Banchetti, presidente di Federpreziosi della provincia di Rimini, e Giorgio Dobori, presidente provinciale di FIT, Federazione Italiana Tabaccai. Più telecamere e più presidio del territorio, chiedono.

“Un tema su cui bisogna assolutamente alzare l’attenzione – dice Onelio Banchetti, presidente di Federpreziosi della provincia di Rimini – per non farsi trovare impreparati davanti a fatti che solamente per pura fortuna non portano a conseguenze ancora più gravi. Un furto in piena notte, un altro colpo dopo poche ore con il titolare costretto a difendersi dall’aggressione. I commercianti e i lavoratori non possono essere lasciati soli a difendersi. Un fatto di questo genere è un trauma psicologico enorme, impossibile da dimenticare, che va al di là del danno subito con il furto di soldi o preziosi in negozio. Per questo tutta la nostra solidarietà va agli esercenti, ai colleghi, vittime di questi criminali. Una vicinanza sincera, ma che non può bastare: è il momento di aumentare il controllo del territorio. Non vogliamo che ci scappi il morto prima che venga potenziato il servizio di controllo. Non possiamo essere lasciati soli: ci sentiamo vulnerabili. Servono più telecamere e più uomini con la divisa: il passaggio di un qualsiasi corpo delle forze dell’ordine sarebbe un ottimo deterrente per scongiurare furti e rapine. Di telecamere e videosorveglianza sentiamo parlare da anni, da decenni, ma non se ne vede il risultato reale. Per questo chiediamo urgentemente un incontro al Prefetto, ai rappresentanti delle forze dell’ordine e all’amministrazione comunale, per fare il punto su cosa è stato fatto per la sicurezza e cosa si deve urgentemente fare”.

“Servono tempi rapidi per arrivare a una videosorveglianza efficace ed efficiente – spiega Giorgio Dobori, presidente provinciale di FIT, Federazione Italiana Tabaccai, categoria che rientra tra quelle più a rischio – che non pensi solo a monitorare gli accessi dei veicoli, ma che sia un occhio attento su ciò che accade nelle vie. In un centro ormai semideserto, c’è chi con grande tenacia tiene aperte le proprie attività, ma servono assolutamente più controlli, soprattutto adesso che le restrizioni a causa del Covid hanno imposto la chiusura serale a bar, locali e ristoranti svuotando di fatto le strade e le piazze dalle persone anche prima dell’orario di chiusura dei negozi. Per poter lavorare dobbiamo farlo in sicurezza. Il timore dei commercianti è costante: si è fatto molto, ma le circostanze quotidiane ci impongono di fare di più per contrastare la microcriminalità. Non vogliamo avere il terrore di alzare le nostre serrande sperando che non accada niente, non vogliamo ascoltare la paura dei nostri dipendenti al momento di andare a riprendere l’auto la sera, non vogliamo vivere e lavorare in una città che non ci fa sentire sicuri. Non è giusto per tutto l’impegno che ogni giorno mettiamo nelle nostre attività nonostante questo periodo difficilissimo e incerto, portando alla città qualità e decoro con le nostre vetrine accese e posti di lavoro per la comunità”.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Simona Mulazzani
Interventi del doc Garulli e della sua equipe

La chirurgia riminese eccellenza internazionale

di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini