Indietro
menu
Nella "rete" Davide Frisoni

Si presenta Rete Civica: dialogo col centrodestra. Bocciata candidatura Erbetta

In foto: foto di gruppo alla presentazione di Rete Civica a Rimini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 ott 2020 13:16 ~ ultimo agg. 13:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Immunizzare i cittadini dal virus di quella politica che cerca solo di occupare posti di comando”. Con queste parole il professore Carlo Monaco, già assessore nella giunta bolognese Guazzaloca, definisce Rete Civica. Non una lista appunto, ma una rete che già alle ultime regionali ha partecipato in coalizione con la Lega eleggendo anche un consigliere, Marco Mastacchi. E il centrodestra, anche in vista delle amministrative del 2021, resta l’ambito di riferimento (alla presentazione c’era tra il pubblico il capogruppo della Lega Pecci): “ci siederemo ai tavoli per tutti i comuni al voto e discuteremo di programma e poi di nomi” – spiega il presidente Alex Bianchi suggerendo però la scelta di un “civico” come candidato sindaco. L’obiettivo, aggiunge la portavoce e sindaco di Coriano Domenica Spinelli, è quello di essere una alternativa al centro sinistra che ha sempre governato Rimini. “Siamo politici ma non ideologici” spiega Davide Frisoni, consigliere comunale riminese appena uscito da Patto Civico, indicando “persona, educazione e lavoro” come le priorità e ricordando che proprio ideologia e impossibilità di fare le “cose insieme” sono stati i motivi del suo abbandono della maggioranza (“per ottenere qualcosa con Gnassi bisogna urlare almeno mezz’ora come fa lui“).
Dalla Spinelli arriva poi una bocciatura alla candidatura a sindaco di Mario Erbetta per Rinascita Civica (vedi notizia), da lui stesso ufficializzata. “Mario è un amico ma gli ho sempre detto che in politica è importante arrivare con una squadra forte – dice – io non avrei mai fatto un’affermazione simile. E’ inutile dire oggi chi è il candidato. Si deve lavorare sui progetti e sui contenuti e poi si esprime il nome del candidato”. Difficile, spiega, potersi sedere ad un tavolo con chi ha già deciso il nome del candidato sindaco.

L’intervista di Icaro Tv a Domenica Spinelli

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO