Indietro
mercoledì 21 ottobre 2020
menu
calcio under 21

L’Under 21 è a Zagabria: domani la sfida alla Croazia

In foto: Ph©FPF/Filippo Pruccoli
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 7 ott 2020 17:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo due gare interne consecutive (Repubblica Ceca e Grecia) la Nazionale Under 21 torna di scena in trasferta. Oggi, in tarda mattinata, i Biancoazzurrini sono atterrati a Zagabria, dove domani se la vedranno con i padroni di casa della Croazia per il terz’ultimo impegno delle qualificazioni europee. Due inediti assoluti tra i nomi di coloro che hanno accompagnato il CT Costantini sul charter decollato dall’aeroporto di Rimini: Giacomo Matteoni e Filippo Fabbri, entrambi classe 2002 ed entrambi convocati per la prima volta in occasione di una gara ufficiale della Nazionale Under 21.

C’era la pioggia, questa mattina, ad attendere all’arrivo i venti giovani Titani, tra i quali si rivede Marcello Mularoni, schierato dal CT nella gara con la Repubblica Ceca ma rimasto fuori dai convocati – perché aggregato alla Nazionale maggiore – in occasione di quella con la Grecia. Questo pomeriggio, alle 18:00, i ragazzi di Costantini sosterranno l’Allenamento Ufficiale allo Stadion Kranjčevićeva – per capienza il secondo impianto calcistico della capitale croata – dove domani, alla stessa ora, sfideranno i padroni di casa, in grado di imporsi all’andata con un largo 7-0 e di recente tornati in corsa per la qualificazione dopo una fase di appannamento. “Ripartiamo dalle cose buone che abbiamo fatto con la Grecia – il pensiero della vigilia del CT Costantini – consapevoli però che delle tre partite che abbiamo davanti questa sarà forse la più complicata. La Croazia viene da un paio di risultati importanti ed è tornata in corsa per la qualificazione, che in caso di un ipotetico arrivo a pari punti potrebbe essere decisa anche dalla differenza reti. È chiaro che questo ci complica le cose. Comunque, chi è qua con noi sta abbastanza bene; purtroppo abbiamo dovuto rinunciare a qualcuno per cause di forza maggiore. La linea verde? Già lo dissi un paio di mesi fa: se un giovane entra nel giro della Nazionale Under 21 è perché ho intenzione di farcelo rimanere. Sicuramente domani vedrete in campo alcuni dei 2002 che ho voluto portare con me per questa trasferta. Stiamo gettando le basi per il prossimo biennio. Credo fortemente che sia giusto lavorare per il futuro.”

FSGC | Ufficio Stampa

 

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO