Indietro
menu
Se ne riparla nel 2021

Gli Alpini festeggiano il 148° Anniversario. In attesa dell'Adunata a Rimini

In foto: l'incontro col Prefetto del 25 settembre
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 15 ott 2020 14:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Oggi gli Alpini celebrano il 148° anniversario della loro costituzione. Dopo il rinvio dalle date previste in primavera per l’Adunata degli Alpini a Rimini si era pensato anche a una possibile collocazione nella seconda metà di ottobre. Ma la situazione legata al Covid, come noto, non rende ancora possibile questo tipo di manifestazioni. Il prossimo obiettivo per l’Adunata a Rimini è il prossimo maggio: alla fine di settembre i responsabili del Comitato Organizzatore Adunata hanno incontrato a Rimini il nuovo prefetto Giuseppe Forlenza, i funzionari del Comune di Rimini e i referenti della Repubblica di San Marino.


Il messaggio del presidente Favero per la ricorrenza di oggi:

Sono trascorsi 148 anni dalla nascita delle Truppe Alpine dell’Esercito Italiano. Ed in tale lasso di tempo le penne nere hanno mantenuto salda e, se possibile, persino visto aumentare la stima, la considerazione e l’affetto della gente.
E questo grazie alla loro condotta, in qualunque occasione, in pace ed in guerra: ispirata a valori immutati, come senso del dovere, capacità di adattamento, sacrificio e solidarietà.
Un messaggio che viene da lontano e che viene portato avanti sempre, con caparbietà e costanza, da quanti nella loro vita hanno avuto la fortuna di indossare il cappello con la penna nera a servizio della Patria.
L’Associazione Nazionale Alpini è portatrice e custode di questi valori e continua ad operare per il Paese, in sinergia con gli Alpini in armi.
Stiamo attraversando un periodo difficile e doloroso, causato da una pandemia che sta mettendo a dura prova molte realtà nel mondo.
Ma è proprio in situazioni come queste che lo emerge lo spirito degli Alpini, sempre pronti a mettersi a disposizione della loro gente e dei loro territori: nel più puro spirito del volontariato, abbiamo dato, e continuiamo a dare, dimostrazioni di efficienza e capacità di intervento, che ci vengono unanimemente riconosciute.
Per questo ricordiamo con orgoglio questo anniversario. E per questo confidiamo nel fatto che il Paese possa in un futuro non troppo lontano proporre ai giovani un periodo di servizio che li ponga in quel solco che gli Alpini stanno tracciando da quasi un secolo e mezzo.
Viva gli Alpini, viva l’Italia,

Sebastiano Favero
Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini

Notizie correlate
di Redazione