Indietro
menu
arrivato nei giorni scorsi

Dalla Germania al Ceccarini il ventilatore donato da Famija Arciunesa

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 ott 2020 17:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’attesa è stata lunga, addirittura la consegna era annunciata per gennaio, ma, finalmente, dopo tante pressioni e sollecitazioni è arrivato dalla Germania ed è stato già collaudato dall’Ingegneria Clinica dell’AUSL di Rimini, il primo ventilatore polmonare Dräger acquistato da Famija Arciunesa grazie alla raccolta fondi “Riccione contro il Coronavirus”.

Ora servono solo i tempi tecnici per la consegna all’Ospedale Ceccarini di Riccione dove da mesi sono già in funzione in sala operatoria l’ecografo SonoSite e al Pronto Soccorso l’ecografo portatile Vscan Extend, entrambi donati da Famija Arciunesa.

Da Tempo – spiega il direttivo di Famija Arciunesa – ci siamo attivati, facendo continue pressioni sulla casa madre in Germania, per la consegna del secondo ventilatore polmonare Dräger. Al Ceccarini servono entrambi e saranno determinanti per il miglioramento dell’attività complessiva dei prossimi dieci anni. La lunga attesa era stata messa in preventivo. Sono stati gli stessi medici del Ceccarini a dare precise indicazioni sull’acquisto dei Drägher per la loro altissima affidabilità e qualità, valutando insieme a noi le tempistiche comunque in linea con un’eventuale seconda ondata del Covid-19″.
Per i tre macchinari sanitari complessivamente sono stati bonificati 69.540 euro.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Simona Mulazzani
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Andrea Polazzi