Indietro
martedì 24 novembre 2020
menu
campionato europeo cez

Autocross dell'Adriatico Cetilar presso la RIORC

In foto: PH: Alessandro Piccinini
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 ott 2020 14:49 ~ ultimo agg. 15:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sabato e domenica prossimi,24-25 ottobre, presso la pista RIORC a Borgo Faina di Ravenna, alle spalle di Mirabilandia, si disputerà “Autocross dell’Adriatico Cetilar“, ultimo evento su cinque del Campionato Europeo CEZ di Autocross e penultimo appuntamento su quattro del Campionato Italiano Velocità su Terra di Acisport: il programma prevede per sabato a partire dalle 10.30 qualifiche e Batteria1, domenica dalle 8.30, Batterie 2/3, Sfilata delle Nazioni, Semifinali e Finali.

Ammesso il pubblico con le disposizioni solite anticovid: registrazione, misurazione temperatura, mascherina, sanificazione mani, distanziamento, ma divieto di accesso al paddock.

La manifestazione, organizzata da Scuderia Livorno Sport in collaborazione con Speedy Racing, ha raccolto ben settanta iscrizioni, con piloti provenienti anche da Repubblica Ceca, Ungheria, Austria, Slovacchia, Lussemburgo e Olanda, suddivisi in sette categorie con classifiche separate; non mancheranno il trionfatore dell’anno passato, l’olandese Toby Albers e il decano della specialità, il settantacinquenne ceco Jaroslv Hosek.

Cinque i drivers romagnoli ai nastri di partenza: nella categoria Kart Cross su Semog, il rallysta forlivese Andrea Succi del Racing Team Le Fonti, il suo concittadino Andrea Schiumarini, ad inizio anno fra i partecipanti alla Dakar in Arabia Saudita e Valerio Baruzzi di Casola Valsenio, un altro casolano, Valerio Costa sarà al volante di un Buggy 1600,mentre il ravennate Danilo Tomassini si cimenterà alla guida di una Mitsubishi Colt 4X4 del Team TenJob di Rocca San Casciano di Gruppo 2 Tax.

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Roberto Bonfantini